Sanità, Ficco (SAUES): “Da concorso 118 esclusi medici convenzionati. Chiediamo a De Luca revisione del decreto “

0
275

” Il decreto regionale che affida all’Asl di Salerno, in qualità di azienda sanitaria capofila, il compito di bandire i concorsi per il 118 ed i Pronto Soccorso della Campania esclude, di fatto, i medici convenzionati di emergenza territoriale che da oltre 10 anni aspirano a transitare alla dipendenza”. Così il presidente nazionale del Saues, sindacato urgenza emergenza sanitaria–118 Paolo Ficco, rinviando al Decreto Dirigenziale n. 38 del 22/01/2024 avente ad oggetto “Individuazione Azienda per indizione Concorso Unico Regionale per il reclutamento a tempo indeterminato di Dirigenti Medici in Medicina Emergenza Urgenza per le Aziende Sanitarie della Campania”.

“Questo documento – spiega Ficco -, ignora ed elude il decreto legge 34 del 30 marzo 2023 che, proprio per evitare la fuga di questi preziosi professionisti verso altre servizi meglio remunerati e meno rischiosi, dà alla Asl la possibilità di assumerli tanto nel 118 quanto nei Pronto Soccorso”.

“Inoltre – sottolinea il presidente del Saues – questo Decreto dirigenziale fa espressamente divieto alle singole Asl di indire autonomamente bandi di concorso nella disciplina di medicina di emergenza e urgenza. Pertanto, diversamente da quanto sta avvenendo nelle altre Regioni, in Campania i medici convenzionati di emergenza territoriale non potranno essere assunti in ruolo finché vigerà questo decreto”. “Criticità evidenti – conclude Ficco – che non abbiamo mancato di segnalare proprio in queste ore alla Regione, al presidente De Luca, chiedendo una revisione sostanziale del decreto”.