Sant’Angelo dei Lombardi, rinasce il Chiostro di Santa Maria

0
641

 

Si chiude a Sant’Angelo dei Lombardi la rassegna “Tra Chiostri e Conventi… Percorsi di suoni e luci” promossa dall’amministrazione comunale e da Regione Campania. Questa sera, a partire dalle 21.00, un nuovo luogo di memoria ritroverà la luce: parliamo del Chiostro di quello che fu il Convento di Santa Maria delle Grazie.

Il terribile terremoto dell’80 distrusse l’intero edificio e provocò la morte di tutte le suore presenti e da allora nessun intervento di ricostruzione era mai stato previsto, anche per oggettive difficoltà tecniche.

Quello che possiamo ammirare oggi, alla luce del lavoro di restauro finanziato nell’ambito della rassegna, non è più un chiostro dedito alla pratica religiosa, ma un luogo di comunità e di memoria. Una riconversione che lo vedrà palcoscenico di concerti e spettacoli di grande pregio, proprio a partire dal grande evento multimediale e teatrale di questa sera “Gli angeli di Santa Maria”. Uno spettacolo di luci, suoni, musica danza ed emozioni, con la direzione artistica di Carmen Loyola, la macchina organizzativa della Fondazione “Insieme per…” di Monteverde, che da anni cura il grande spettacolo dell’acqua, ed il coinvolgimento in scena del coro delle voci bianche e del coro giovanile del teatro Gesualdo di Avellino.

Gli spettatori verranno condotti in un viaggio nel tempo e nello spazio, un dialogo tra scena e luci, che ripercorrerà la storia del Convento e, con essa, la storia della comunità.

L’opera di conservazione e recupero del Chiostro rappresenta anche l’ultimo lavoro dell’architetto Donato Tartaglia, morto prematuramente lo scorso gennaio, e va a simboleggiare il forte legame tra il professionista e la sua terra. Proprio in quell’occasione verrà posta una targa celebrativa in sua memoria.