Scandone super in Champions, Mega Leks travolto

0
356

 


Inizia bene il girone di ritorno della Basketball Champions League per la Sidigas Scandone Avellino. I biancoverdi battono 85-61 Mega Leks confermandosi al primo posto in classifica. Buona la prova di tutta la squadra. Ottime le prestazioni di Thomas che segna 19 punti e di Cusin che mette a referto 11 punti catturando anche 9 rimbalzi. Una nota di merito va a Parlato che entra nell’ultimo minuto e segna 5 punti di fila. Il numero 57 biancoverde è il primo irpino a segnare in una competizione europea. Ora, però, testa alla prima di tre trasferte consecutive. Nel “Monday Night” la Sidigas affronterà Cantù dell’ex Acker, palla a due alle 20.30.
E’ subito Avellino che imposta il proprio ritmo. I biancoverdi sono molto aggressivi in difesa e corrono molto bene in contropiede con Obasohan, Leunen piazza la tripla e Cusin segna dalla media distanza, (8-3). Il Mega Leks segna da dentro l’area con Tejic, ma Ragland ruba palla a Milisavljevic e in contropiede realizza due punti che costringono il coach ospite al time out, (10-5). I serbi tentano una reazione con Glogovac che realizza da tre, Cusin segna e subisce fallo mentre Thomas ne mette due in penetrazione, (16-10). Dopo una tripla di Glogovac, entra Fesenko che subito segna da dentro l’area. Ragland realizza in penetrazione, ed ancora Fesenko dalla lunetta fa 1/2 ed Avellino va +6 al 10’ (21-15).
E’ Randolph ad aprire il quarto con bel canestro dalla media distanza. Mega Leks tenta una reazione con Spasojevic e Milisavljevic, che segna da sotto e Sacripanti chiama time out, (23-19). Spasojevic segna ancora portando a -2 i serbi. Sale in cattedra Cusin, che prima stoppa il solito Spasojevic lanciando in contropiede Leunen, e subito dopo mette la schiacciata che costringe Milisavljevic al time out, (29-21). Obasohan segna in contropiede schiacciando, Thomas in sospensione sulla sirena. Alley – oop Green-Cusin la Sidigas va a +8, (35-27). Dopo due liberi del numero 12 biancoverde, Mushidi sulla sirena segna la tripla del – 4 all’intervallo lungo, (37-33).
Al ritorno in campo, la Sidigas è aggressiva in difesa. Thomas segna da sotto, Ragland in penetrazione e Randolph da tre (44-36). Mega Leks non trova più la via del canestro e Ragland, prima converte un gioco da tre punti, e poi fa 2/2 dalla lunetta. Randolph in penetrazione dà il +15 alla Sidigas, (51-36). Gli ospiti provano a scuotersi con Glogovac e Simeunovic che piazza la tripla, entra Fesenko e subito da sotto realizza e riporta Avellino sul +12, (53-41). Dopo un canestro di Obasohan, è Fesenko a segnare appoggiando al tabellone. Randolph ruba palla e poi segna in penetrazione, portando la Sidigas sul +16 a fine terzo quarto, (59-43).
L’ultima frazione si apre con Thomas e Green che segnano da tre e con Obasohan che fa 1/2 dalla linea della carità. I serbi segnano solo con Simeunovic dalla lunga distanza, (66-48). Thomas segna subisce fallo e realizza il libero aggiuntivo, Severini segna entrambi i liberi. Gli ospiti cercano di rientrare in partita con un miniparziale di Spasojevic e Simeunovic ma, Thomas in sospensione la ricaccia indietro, (73-58). Cinque punti consecutivi di Thomas portano sul +20 la Sidigas, Sacripanti mette in campo Parlato ed Esposito, i due biancoverdi rispondono subito presente. Il primo mette cinque punti in un amen, il secondo chiude la contesa in penetrazione e la Sidigas batte Mega Leks 85-61.