Si inaugura il presidio “Nati per la musica”

0
278

Nasce ad Avellino, presso il Socialab di Monteforte, il presidio avellinese di “Nati per la Musica”. Promosso dall’Associazione Culturale Pediatri e dal Centro per la Salute del Bambino, “Nati per la musica”  attua dal 2004 in tutta Italia progetti locali che hanno lo scopo di promuovere l’esperienza musicale condivisa in famiglia, fin dai primi giorni di vita, se non già dall’epoca gestazionale, grazie ad una rete di collaborazioni tra Istituzioni, figure sanitarie come Pediatri ed Ostetriche, Operatori culturali, Musicisti, Educatori e Volontari. “Per crescere un bambino ci vuole un villaggio” è uno dei credo fondamentali di questi programmi, destinati a famiglie con bambini fino a 6 anni e genitori in dolce attesa, e tutte le future famiglie. Un sostegno alla genitorialità basato sulla consapevolezza che il neonato ha una grandissima capacità di ascolto.  Di qui l’importanza di un intervento precoce sulla Musicalità innata, come spiega Francesca Bonazzoli, quello che significa dal punto di vista scientifico, “assicurarsi lo sviluppo e la delle connessioni neuronali necessarie alle funzioni esecutive. Dal punto di vista umano significa donare ai Bambini la possibilità di relazionarsi, di esprimere con un linguaggio più profondo i propri bisogni, e le proprie emozioni.  Diventa, inoltre, uno strumento prezioso per accrescere la capacità di autoriflessione, di concentrazione e memoria la costruzione della propria immagine di sé, e il riconoscimento dell’altro, Rafforza l’autostima, e nel contempo pone le basi dell’empatia, caratteristiche fondamentali per una crescita personale armoniosa. Per questo ogni percorso formativo musicale non deve avere come obiettivo l’educazione di futuri musicisti, ma la crescita umana di ascoltatori. Questo percorso rientra quindi nella missione formativa dello Socialab, uno SPAZIO/TEMPO dove fare rete, scoprire competenze, imparare, creare, divertirsi. Monteforte vanta una scuola media ad indirizzo musicale di alto livello, con la quale anche il Conservatorio Statale Cimarosa di Avellino ha un protocollo d’intesa. L’idea è, tra le altre, anche quella di creare un Giardino Musicale, come il nome dei laboratori accreditati Nati per la Musica, e tenuti da un corposo gruppo di musicisti, che crei tra i diversi gradi dell’istruzione una continuità, grazie alla quale la Musica davvero sia un linguaggio famigliare, patrimonio di tutti”. A partecipare all’inaugurazione Francesca Bonazzoli, musicista ed educatrice musicale Nprm, Lorenzo Mottola, referente regionale Npm, Attilio Mazzei, pediatra, Daniele Barone  e Maragaret Ianuario, musicisti. A comporre il gruppo di lavoro i musicisti ed educatori musicali Francesca Bonazzoli, Tonino Tomeo, Marcello Bonechi e Alina Balayan, le educatrici del Socalab Stefania Carrubbo, Anna Iannaccone, Alessandra Munno, Claudia Tucci con la consulenza del pediatra Attilio Mazzei