Sinistra Italiana scioglie la riserva: sì a Gengaro candidato sindaco del campo largo

L'assemblea provinciale di Si: "Al nome di Gengaro siamo legati da maggiori affinità politiche e comuni battaglie politiche. Ma ora il Pd faccia chiarezza al suo interno"

0
372

AVELLINO – L’assemblea provinciale di Sinistra Italiana congela il tavolo del campo largo: conferma il proprio sì ad Antonio Gengaro come candidato sindaco della coalizione, ma prima chiede al Pd di fare chiarezza al proprio interno.

La decisione è arrivata questo pomeriggio, con l’assemblea provinciale di Si che ha prodotto un documento chiaro e a tratti indispettito: “L’assemblea – si legge nel documento – ha svolto una valutazione sulla fase politico-amministrativa della città di Avellino e sulle prospettive del campo progressista, opzione a cui da un anno e mezzo abbiamo lavorato con impegno e convinzione. Lo abbiamo fatto consapevoli che questa discussione attiene alla piena autonomia di una forza politica, respingendo pressioni e tentativi di ingerenze che pure in questi giorni si sono determinati”.

Vengono poi riassunte in tre punti le considerazioni sull’attuale fase politica nel capoluogo:

“La posizione ‘pilatesca’ del Pd irpino di portare al tavolo due nomi, in rappresentanza della maggioranza locale e dell’area che a livello nazionale governa il partito, tradisce una spaccatura interna che rischia di indebolire la coalizione con defezioni e rinunce, che come già paventato su alcuni organi di stampa si annunciano all’interno del Pd locale”.

“Il coinvolgimento dei livelli nazionali dei partiti in realtà non è stato mai chiaramente praticato, prova ne è che SI non è stata affatto coinvolta né informata, risultando alla fine piuttosto il frutto di iniziative interne al Pd, di sovrapposizioni di decisioni che hanno finito per indebolire il tavolo locale e ingenerare ulteriori problemi nel cammino per la costruzione della coalizione e per la individuazione condivisa del candidato a sindaco”.

“In linea con tali incomprensibili procedure la candidatura di Antonio Gengaro, al quale nonostante tutto SI è legata da maggiori affinità politiche e comuni battaglie amministrative, e benché Gengaro stesso abbia inteso attribuirsene l’appoggio senza tuttavia averla preventivamente consultata, può correre il rischio di non essere punto di sintesi unitario, ma elemento di divisione”.

“Per questi motivi, Sinistra Italiana, al fine di recuperare il necessario sforzo coalizionale, e sgombrare il campo da qualsiasi equivoco, chiede che innanzitutto il Pd irpino faccia al proprio interno chiarezza in ordine alle proposte avanzate al tavolo, e all’impegno a sostenerle con lealtà e convinzione”.

“Resta inteso che Sinistra Italiana, pur mantenendo tutte le sue perplessità, e in taluni casi contrarietà, sul percorso che ha accompagnato in queste settimane il confronto e il processo di individuazione delle candidature, secondo un ragionamento che privilegia su ogni altro tipo di valutazione, pure legittima, la costruzione della coalizione di centro-sinistra, e nel quadro degli elementi di chiarezza prima richiamati, si dichiara disponibile a sostenere Antonio Gengaro come candidato sindaco”.