Strada Tre Torri-Manna-Camporeale: appello a Comune di Ariano, Provincia e Regione

Il documento degli ex consiglieri comunali Vincenzo Cirillo, Luciano Leone, Crescenzo Pratola

0
354
cof

Gli ex consiglieri comunali Vincenzo Cirillo, Luciano Leone, Crescenzo Pratola tornano sull’argomento relativo alla strada Manna-Camporeale, con una serie di proposte utili a sbloccare una situazione che si protrae nel tempo.

“Nella seduta di Consiglio Comunale del 2 marzo 2023, in cui si è discusso l’argomento monotematico “strada Manna-Camporeale” noi siamo intervenuti, e, nell’occasione, non fu accolta la nostra proposta di un deliberato che vedesse il coinvolgimento della maggioranza e della opposizione su un unico documento e confermasse la volontà di utilizzare i fondi stanziati per l’opera i cui lavori sono già stati avviati, e i proprietari delle aree espropriate, per il tracciato, sono già stati indennizzati per una spesa di € 10 milioni circa”.

Questo il prologo del loro documento, in cui si continua a leggere:“L’impegno della maggioranza del Consiglio Comunale di risolvere la problematica con una nuova e diversa progettazione, che andrebbe contro tutto quanto fatto nei venti anni trascorsi, e che comunque dovevano concretizzarsi in tre mesi, non si è attuato, nonostante sia trascorso oltre un anno dagli impegni assunti.

I lavori della realizzazione della stazione Hirpinia, intanto, proseguono ai ritmi stabiliti dal programma dei lavori, invece non si parla più della realizzazione della strada Tre Torri-Manna-Camporeale che può consentire un più rapido raggiungimento alla sopra citata stazione Hirpinia, da parte dei cittadini di Ariano Irpino, dei cittadini della Valle Ufita e dei Comuni del Nord-Est.

La strada finanziata ha una valenza ben più rilevante che per il solo ristretto ambito comunale – continuano Cirillo, Leone e Pratola – , poiché la tratta quasi ultimata Contursi-Lioni-Grottaminarda, proseguendo sulla tratta “Tre Torri-Manna- Camporeale-Faeto-Termoli”, concretizza l’opera denominata “strada di collegamento dei due mari”; pertanto non è affatto eccessivo ritenere che l’opera persegue obiettivi di rafforzamento della rete infrastrutturale nel Mezzogiorno”.

I tre ex consiglieri ricordano che “in seguito all’approvazione del progetto di realizzazione del primo tronco “Tre Torri- Manna” fino al primo lotto funzionale in località rione Cardito e delle relative bretelle di collegamento, nel mese di marzo dell’anno 2011, la società Anas  pubblicò un bando per l’affidamento della progettazione preliminare e definitiva e altre attività correlate, dei lavori relativi alla – VARIANTE ALLA SS 90 DELLE PUGLIE TRA LO SVINCOLO DI ARIANO IRPINO FINO ALL’INNESTO CON LA SS 90 BIS”.

Si passa quindi alle proposte. “Per essere concreti, suggeriamo la composizione di un GRUPPO PROMOTORE che si occupi della questione e che si impegni a: invitare il Consiglio Comunale di Ariano Irpino a “ritornare” sulla delibera n. 01/2023, votata a maggioranza, che dichiara che i fondi stanziati per la strada Tre Torri-Manna-Camporeale vengano utilizzati per l’opera di Riammagliamento e Razionalizzazione del tessuto urbano con interventi di mobilità sostenibile di Rione Cardito che non ha nulla a che vedere con l’opera finanziata”.

Ancora, “sollecitare il Presidente dell’Amministrazione Provinciale di Avellino ad attivarsi per la ripresa dei lavori, realizzando, innanzitutto, il tracciato e quant’altro possibile, con un progetto stralcio, che impegni i fondi disponibili, dato che gli espropri sono stati già pagati”.

E inoltre, i tre firmatari del documento chiedono di “fare voti al Presidente della Giunta Regionale Campania ad aggiornare il finanziamento per il completamento dell’intervento, in considerazione dell’importanza dell’opera, visto il notevole tempo trascorso per l’avvio dei lavori e preso atto della lievitazione dei prezzi. Noi continueremo ad essere attenti e percorreremo tutte le strade per raggiungere l’obiettivo enunciato”.