Suicidio all’Università, parla la fidanzata: “Ayoub era un bravo ragazzo”

0
716

Dopo la tragedia presso l’Università di Salerno, che ha visto la morte di Ayoub Namiri, il giovane marocchino lanciatosi nel vuoto, parla finalmente la sua fidanzata Francesca.

La ragazza, che non smentisce la violenza subita lo scorso giovedì, tiene a sottolineare che, a differenza di quello che si era vociferato, Ayoub non era un ragazzo che la opprimeva. Si è trattato soltanto di un caso isolato di violenza e per il pentimento lo studente si sarebbe lanciato dal quinto piano del parcheggio multipiano.

Restano tuttavia delle ombre, come il fatto che Ayoub sarebbe poi scappato dopo aver lasciato la ragazza a terra in una pozza di sangue. Ipotesi questa, che dovrà essere confermata dagli inquirenti e da eventuali testimoni.