Svolta sulla Metro leggera: “Sì ai due nuovi terminal, no ai pali”

Ne saranno eliminati alcuni di quelli che attualmente insistono sul tracciato cittadino. Il sindaco Festa: "Raggiunta l'intesa con Atripalda e Mercogliano".

0
332

Il sì è arrivato questa mattina, al termine di un confronto tra i sindaci di Avellino, Atripalda e Mercogliano: siglata l’intesa per l’estensione della metropolitana leggera: “E si farà – precisano dal Comune di Avellino – senza pali e nel segno della sostenibilità”. La fumata bianca è arrivata nel corso del confronto nella Sala riunioni di Palazzo di Città alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Avellino, Gianluca Festa, dell’assessore ai Lavori pubblici, Antonio Genovese, del vicesindaco di Atripalda, Domenico Landi, dell’assessore all’Efficientamento energetico Davide Bolognese, e dell’amministratore dell’impresa aggiudicataria, FullSystem, Giorgio Tencati.

Nel corso della riunione, alla quale hanno preso parte anche i tecnici, è stata stabilita l’estensione dell’attuale sistema a basso impatto ambientale, che presto ripartirà nel capoluogo, fino ai terminal di Atripalda e Mercogliano. Con una differenza sostanziale rispetto all’infrastrutturazione attuale: senza l’apposizione di nuovi pali. I mezzi elettrici che percorreranno il tracciato, infatti, proseguiranno in marcia autonoma ad Atripalda e Mercogliano.

In questo modo – sottolineano dal Comune capoluogo – “passa la linea più volte sostenuta dal sindaco Festa, per attribuire nuove funzioni alla Metropolitana leggera, attraverso le risorse del Pnrr ottenute dall’ente di Piazza del Popolo nell’attuale consiliatura. Con il placet degli amministratori dei Comuni contermini di Atripalda e Mercogliano, anche nel corso dell’odierna riunione”.

“Sono particolarmente soddisfatto – dice il primo cittadino di Avellino – del grado di condivisione raggiunto con i Comuni di Atripalda e Mercogliano. Come sostengo da tempo, abbiamo la possibilità di consegnare un’utilità e una funzione più sostenibile ai cittadini rispetto a un’opera che, giova ricordarlo, era stata pianificata oltre 20 anni orsono. Con il sistema immaginato, diamo forma concreta a una visione amministrativa che ci consentirà di allargare i benefici del sistema a basso impatto ambientale ai maggiori Comuni dell’hinterland di Avellino, integrandolo con il servizio pubblico già reso dall’Air. In più – conclude il sindaco – con questo progetto, intendiamo prevedere l’eliminazione di alcuni dei pali che attualmente insistono sul tracciato cittadino”.