Terremoto Turchia, estratti vivi due giovani dai vigili del fuoco italiani

In azione le squadre Usar toscane e laziali dei caschi rossi. A dare il cambio a breve potrebbero partire anche esperti del comando provinciale di Avellino

0
493

«I Vigili del Fuoco italiani, giunti in Turchia a poche ore dal catastrofico sisma che ha colpito l’area, già nelle prime ore di intervento hanno estratto vivi due giovani dalle rovine di alcune palazzine, in due distinte operazioni. Il nucleo di esperti USAR, specializzati in ricerca e recupero tra le macerie, al lavoro ad Antiochia, sta operando in condizioni proibitive, in una corsa contro il tempo per cercare di individuare e trarre in salvo il maggior numero di persone». E’ quanto afferma il sottosegretario all’Interno Emanuele Prisco.

Sono 50  i vigili del fuoco dei team Usar di Toscana e Lazio che  sono impiegati nelle ricerche dei superstiti al sisma che ieri ha devastato il sud della Turchia e il nord della Siria.Dopo nove ore di intervento le squadre USAR (Urban Search And Rescue) dei Vigili del fuoco sono riuscite a salvare un ventitréenne bloccato tra le macerie di una palazzina di quattro piani crollata ad Antiochia. Intervento estremamente complicato durante il quale sono state numerose le scosse di assestamento . Poco dopo, i vigili del fuoco USAR (Urban Search And Rescue) provenienti dalla Toscana e dal Lazio sono riusciti a salvare un altro giovane sepolto sotto le macerie di una palazzina. Sono quindi due i ragazzi che i Vigili del fuoco italiani sono riusciti a salvare in due distinte operazioni di soccorso ad Antiochia.

Il contingente italiano è composto da personale specializzato per la ricerca di dispersi sotto le macerie, che ha operato nelle analoghe emergenze in Italia e all’estero.A breve  potrebbero arrivare  a dare il cambio  agli esperti dell’Usar toscani e laziali  anche  quelli  del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Avellino.