Tra storia e legenda: la Juta a Montevergine

0
370

Tra storia e legenda la Juta a Montevergine è il percorso di devozione più conosciuto in Campania e probabilmente su tutto il territorio nazionale.  L’ascesa al Santuario della Madonna Bruna, però, non è solo un tragitto penitenziale, ma anche e soprattutto il mantenimento di una tradizione pluricentenaria e propria del popolo irpino e che nel tempo ha accolto ed accoglie un numero grande di pellegrini provenienti da ogni dove. Pellegrini uniti dalla fede e dalla tradizione. Ma la Juta a Montevergine, ggi è anche il luogo di partenza e di accoglienza che vede Ospedaletto D’Alpinolo non più un semplice punto di appoggio per i pellegrini, a cui è dedicato un monumento, ma diventa un luogo degno di essere vissuto e non solo per qualche ora. Ecco quindi che l’edizione 2019 de “La Juta di Montevergine” si arricchisce di iniziative di aggregazione e di intrattenimento. Un programma di accoglienza che propone tradizioni e spettacoli. Si parte mercoledì 11 settembre quando ad Ospedaletto si terrà il taglio del nastro e l’apertura delle botteghe artigianali e tradizionali. Solo mezz’ora dopo ci sarà la grande sfilata dei carri addobbati e dei cavalli preparati a festa. Quindi spettacoli per tutto il borgo le “tammorre” ed i balli tradizionali in piazza Umberto I dove alle 20.30 ci sarà “La perteca di Pino Iove”, alle 21.30 la paranza di “O’ Tramuntano”, alle 23.00 la paranza di “O’ Lione” ed alle 00.30 “Isuoni di Aspromonte”.  Ma gli spettacoli saranno in ogni angolo del borgo di Ospedaletto. In Vico Fontana di Mezzo si inizia alle 20.00 con “pittura Fresca Teatro”, si prosegue alle 20.30 con la paranza di “O’ Lione”, quindi alle 21.30 con “La famiglia Bevilacqua”, alle 21.45 “La perteca di Pino Iove” ed in chiusura “Vernice fresca teatro”.  Spettacolo ed intrattenimento anche nell’atrio del Comune con inzio alle 20.00 con la “paranza D’Alterio”, poi in successione “Vulcania, “leggermente a sud” e “Vernice Fresca Teatro”.  La “Paranza Mezzone” aprirà gli spettacoli nella suggestiva Piazza Demanio, poi alle 21.30 i “Suoni di Aspromonte”, doppia esibizione della “Famiglia Bevilacqua e la Paranza D’Alterio alle 23.00 e gran finale alla mezzanotte con “Vulcania & Leggermente al Sud”. Il “circo tarantella” sarà in Piazza Garibaldi ininterrottamente dalle 20.30 alle 00.30.  la due giorni di spettacoli e di intrattenimento proseguirà giovedì 12 settembre con la solenne processione della madonna del Carmelo alle 18.00 dopo l’apertura delle botteghe artigianali alle 17.00. Sempre nell’atrio del Comune a partire dalle 20.30 ancora spettacoli di tammorre e paranze.  Interessante corso di danza stile “avvocata” si terrà dalle 17.30 a cura della de “La Paranza d’o tramuntano” nell’atrio dell’edificio municipale. In Vico Fntana di mezza si esibiranno a partire dalle la “Paranza Terzignese”, “La Paranza d’o Lione” I Giuglianesi di Peppino diFebbraio, i Vulcania e Vernice Fresca Teatro.  Paranze e tammuriate anche in Piazza Garibaldi con “La tammurriata Pimontese”, I Giuglianesi di Peppino di Febbraio, Paranza Terzignese e Paranza d’o’lione, in chiusura  Anna Cinzia Villani.  Anche Giovedì in piazza Garibaldi ci sarà dalle 20.30 alle 00.30 il circo tarantella ed a seguire spettacolo musicale con dj click. In piazza Demanio aprirà le danze Marcello Colasurdo alle alle 20.30. Alle 21.30 ci saranno Tonino o’ Stock e Biagio De Prisco. Quindi Anna Cinzia Villani ed in chiusura tutti in ballo con La Paranza do Tramuntano e i Giuglianesi di Peppino di Febbraio. Lunedì prossimo alle 10.00 la conferenza stampa di presentazione della Juta 2019 nell’aula conferenze del Comune di Ospedaletto d’Alpinolo.