Tratte ferroviarie, Buondonno attacca la Regione: uniti contro l’asse napolicentrico

L'affondo dell'assessore comunale all'Urbanistica di Avellino a margine del tavolo tecnico organizzato in Provincia: in questi giorni si sta consumando una trasversalità per concentrare gli interessi economici nella densificazione di Napoli e della città Metropolitana

0
329

AVELLINO – Attacco frontale alla Regione Campania. Ci sono in ballo i nuovi finanziamenti per il potenziamento dei collegamenti ferroviari e l’assessore comunale all’Urbanistica Emma Buondonno non le manda a dire: “Si sta consumando in questi giorni a Napoli un asse, una trasversalità, che vede nella densificazione di Napoli e della città Metropolitana, il vero interesse economico di tutta la Regione Campania”.

La denuncia arriva a margine del tavolo tecnico organizzato dalla Provincia di Avellino con i responsabili locali e regionali delle Ferrovie dello Stato. “C’è un treno storico fondamentale -ha detto Buondonno – che è la Rocchetta Sant’Antonio, e ci sono le intenzioni politiche ed economiche per valorizzarlo. Ma il concetto che dobbiamo ribadire a gran voce è che la Salerno-Avellino-Benevento è l’unica direttrice in grado di riequilibrare il sistema regionale. Invece la modifica che si propone di fare alla legge 16 del 2004 è a favore della densificazione urbana, a favore di Napoli e della città Metropolitana. Noi ribadiamo invece che serve un’inversione di tendenza, dobbiamo andare al riequilibrio della Campania e l’unico sistema urbano che può garantire questo è quello della Salerno-Avellino-Benevento”.

“La connessione in più con la Stazione Irpinia, visto che i binari ci sono, dovrà esse un altro punto centrale, sia per Ferrovie che per Sistemi Urbani, che per Fondazione Ferrovie. Quindi questo impegno dei tre assi di Ferrovie è fondamentale: su questo dobbiamo essere assolutamente tutti uniti, perché si sta consumando in questi giorni a Napoli una trasversalità che vede nella densificazione di Napoli e e della città Metropolitana il vero interesse economico della tutta la Regione Campania. Dobbiamo cambiare strada”.

“Dobbiamo puntare anche sull’aggancio dell’aeroporto di Pontecagnano, su questo bene ha fatto De Luca a prevedere i 200 milioni di euro per la linea metropolitana Salerno Pontecagnano, ma noi da Avellino ci dobbiamo arrivare”.