“Treptow”, il gruppo tedesco ad Avellino

0
257

E’ stato il gruppo rock berlinese dei “Treptow” ad inaugurare in città la settimana della cultura tedesca in collaborazione con l’ambasciata della Repubblica Federale di Germania. Applauditissima la band tedesca, all’attivo numerosi concerti e festival internazionali, in Austria, Portogallo, Russia, Iran, Bahrain, Tagikistan e negli Emirati Arabi Unit. In platea gli studenti delle scuole irpine in cui si studia la lingua tedesca. “La musica diventa così strumento – spiega la professoressa Gabriella Sementa – per promuovere la lingua tedesca e conoscere una cultura centrale nella storia d’Europa, grazie alla collaborazione collaborazione con l’istituto di cultura germanica Acit, in occasione dei trent’anni dalla caduta del muro. Oltre cento gli appuntamenti in tutta Italia, capaci di abbracciare classico e contemporaneo, letteratura, musica, cinema, novità tecnologiche, nel segno di «Non farmi Muro!» il titolo scelto per il cartellone di eventi, organizzato dall’ambasciata della Repubblica federale di Germania i (9 novembre 1989). Abbiamo ospitate scuole provenienti da tutta la Campania. I Treptow arrivano da Berlino, città centrale nelle vicende legate alla caduta, sono espressione di quella Germania che ha voglia di dimenticare la storia legata alle due Germanie. Il prossimo anno celebreremo i 30 anni della riunificazione”. A rappresentare l’amministrazione comunale il vicesindaco Laura Nargi e gli assessori Antonio Genovese e Marianna Mazza. Protagonista anche il coro della Edertaschule Frankenberg, ospite dell’Acit dal 10 al 15 ottobre. Si esibirà l’11 ottobre nella chiesa di Sat’Ippolisto ad Atripalda, il 12 ottobre sarà di scena nella chiesa del Rosario, il 13 ottobre nella cattedrale di Avellino. “Non sono i tredicimila tedeschi attesi da Festa ma è comunque una presenza che si carica di un valore forte. Ci inorgoglisce molto – prosegue Sementa – il fatto che le istituzioni tedesche abbiano scelto l’Istituto di Cultura Germanica – A.C.I.T. di Avellino per l’unica esibizione dei “Treptow” nell’Italia Meridionale. Di qui la scelta del Teatro “Carlo Gesualdo”, con i suoi oltre mille posti a sedere”.