Truffa e calunnia ai danni di un commerciante di Lioni: due anni al responsabile

0
338

 

LIONI – Due anni e otto mesi di reclusione per i delitti di truffa e calunnia. E’ questa la condanna del Tribunale di Avellino ( giudice monocratico Dott. Buono) ai danni di C.G. il quale in concorso con R.A. ha posto in essere tali reati nei confronti di C. S., titolare di una nota officina del posto. Il Tribunale ha ritenuto che i due imputati – in concorso tra loro – abbiano consegnato un assegno postale in pagamento di un debito contratto con il titolare dell’officina per lavori di manutenzione su un’autovettura, successivamente presentando una falsa denuncia di smarrimento dell’assegno. In tal modo hanno incolpato il commerciante, possessore dello stesso titolo del reato di furto, ricettazione o appropriazione di cosa smarrita, pur sapendolo innocente. Nel caso giudicato dal Tribunale di Avellino, la difesa della persona offesa, rappresentata dall’Avvocato Emilio Cordasco, costituitasi parte civile nel procedimento penale, è riuscita a dimostrare l’esistenza della condotta truffaldina e calunniosa. La parte civile