Uccisione killer di Berlino: “Sbagliato pubblicare i nomi dei due agenti”

0
357

 

L’eroico gesto dei nostri due Poliziotti che hanno individuato, bloccato  l’autore della strage di Berlino  e  risposto, con immediatezza e professionalità ai colpi di pistola, che hanno colpito  uno degli operatori di Polizia. Il terrorista è stato ucciso in un conflitto a fuoco da lui provocato ed il Poliziotti che ha sparato, lo ha fatto nel pieno rispetto delle vigenti leggi, con una  professionalità eccezionale, che ha suscitato l’ammirazione del mondo – così ha dichiarato il Presidente Nazionale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), Antonio de Lieto –  L’unica “nota stonata” dell’intera vicenda, è stata la divulgazione dei nomi dei due  operatori di  Polizia , esponendoli a possibili ritorsioni.  Far sapere chi erano i due Poliziotti  che hanno  bloccato il terrorista, a giudizio del LI.SI.PO ., è stato un errore, ma sicuramente, chi lo ha fatto, voleva solo gratificare questi due coraggiosi Poliziotti  e farne un esempio positivo per il Paese. Il Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), ha concludo de Lieto, ritiene che la sicurezza  dei due  Poliziotti in questione  e delle loro famiglie, debba essere  garantita al massimo.