Una Chiesa attenta agli ultimi, dalla lezione di San Paolino a Papa Francesco

0
384

A confronto al Palazzo Abbaziale del Loreto sul volume di Santaniello dedicato al vescovo di Nola

 


E’ stata l’occasione per ribadire la modernità della lezione del vescovo di Nola, san Paolino, interprete di una Chiesa attenta alle esigenze dei poveri il confronto sul volume "Vita di Paolino da Bordeaux. Vescovo di Nola" di padre Giovanni Santaniello, presentato ieri al Palazzo Abbaziale del Loreto. A confrontarsi con l’autore l’abate di Montevergine, Riccardo Luca Guariglia, il direttore della biblioteca di Montevergine, padre Gerardo di Paolo, e l’arcivescovo di Assisi, Domenico Sorrentino. Ad introdurre il confronto il sindaco di Mercogliano Massimiliano Carullo che ha posto l’accento sul patrimonio di valori spirituali incarnati dalla figura di don Paolino e dall’Abbazia di Montevergine. Mentre l’abate Guariglia ha sottolineato il legame forte tra le figure di don Paolino e don Guglielmo: «Entrambi provenienti da territori lontani, don Paolino da Bordeaux e don Guglielmo da Vercelli, troveranno in Campania il loro terreno di azione, espressione della spiritualità intesa come ascesa monastica». Il vescovo di Assisi Sorrentino ha ribadito la necessità di riscoprire la figura di san Paolino sul piano strettamente teologico: «La sua idea di una Chiesa attenta agli ultimi, che esalta gli umili e non i potenti, è molto vicina a quella che ci propone Papa Francesco. Una figura certamente complessa per la sua doppia veste di politico e uomo di grande spiritualità. Decise di stabilirsi a Nola, dove aveva soggiornato quando era stato governatore della Campania e dove si trovava la tomba di san Felice martire, al quale egli era particolarmente devoto. Fondò un cenobio maschile e uno femminile, che si contraddistinsero per l’intensa vita di preghiera e per l’assistenza ai poveri». Grande attenzione è stata rivolta anche alla ricostruzione del contesto storico-religioso, la costituzione della comunità ascetica di Nola inquadrata nell’ambito del monachesimo occidentale, i rapporti del protagonista letti a partire dalla corrispondenza epistolare con numerosi personaggi.