Una patente da supereroe, all’Ic Aurigemma di Monteforte un percorso sperimentale per aiutare gli studenti a valorizzare la propria unicità

Il progetto sarà presentato alla Fiera Didacta di Firenze alla presenza del ministro Valditara

0
372

Una vera e propria patente da supereroe. E’ quella che conseguiranno gli studenti dell’Istituto Comprensivo Aurigemma di Monteforte al termine del progetto “Cerca e trova i tuoi superpoteri” . Un percorso nel segno della consulenza di immagine, promosso dall’Istituto comprensivo Aurigemma di Monteforte e rivolto agli alunni delle classi seconde della scuola secondaria di primo grado. L’obiettivo è quello di aiutare gli studenti a conoscersi meglio e accrescere la loro fiducia in sè stessi attraverso la  valorizzazione delle proprie caratteristiche fisiche uniche e peculiari e permettere una crescita più consapevole. A curare il progetto Francesca Batelli e Mike Sannino, esperti in  consulenza d’immagine che presenteranno il percorso ai docenti e ai dirigenti scolastici nell’ambito della Fiera Didacta a Firenze, il 20 marzo alle ore 11.30. A partecipare alla manifestazione anche l’Ic Aurigemma, prima scuola in Italia ad accogliere questa sperimentazione. Sarà la dirigente Filomena Colella a illustrare la scelta di investire su questo progetto innovativo alla presenza del ministro dell’istruzione Valditara.

“In età adolescenziale – spiega la dirigente Filomena Colella – la vulnerabilità è enfatizzata dalla transizione fisica,  attraversando una visione proiettata e, dunque, potenzialmente distorta. In questa fase diventa fondamentale, attraverso una comunicazione più vicina ai suoi interessi, far comprendere al  bambino/adolescente che il suo fisico sta cambiando. L’immagine globalizzata, l’uso dei filtri social e il confronto (impari) con modelli IA creano impossibili modelli di riferimento, aumentando la dispercezione del proprio fisico e  causando disorientamento e senso di impotenza.  Di qui la necessità di educare gli studenti alla consapevolezza del proprio corpo e della propria unicità, in contrasto con luoghi comuni e stereotipi trasmessi dalla società. Un percorso che può diventare un valido strumento per prevenire forme di disagio e devianza, dai fenomeni di bullismo e cyberbullismo a disagi alimentari e autolesionismo”. Al termine del percorso sarà consegnata agli studenti la patente del supereroe, un vero passaporto che testimonierà l’acquisizione delle competenze necessarie per affrontare il difficile processo di crescita. Un traguardo prezioso per gli studenti per rafforzare la propria autostima e imparare a gestire meglio le relazioni con gli altri, credendo nelle proprie potenzialità.