Una scuola per educare alla politica

0
398

Gia’ nelle precedenti riflessioni , dalla pagine di questo quotidiano, abbiamo parlato della crisi del modello fordista dei partiti di   massa  e della significativa diffusione delle Scuole di  Formazione  alla Politica  a partire da quella promossa dalle ACLI di Avellino, “Giorgio La Pira”.  Abbiamo anche sostenuto e sottolineato che la sfiducia dei cittadini , di proporzioni  macroscopiche, non è nei confronti della buona politica, ma dei partiti. Negli anni sessanta-settanta, nonostante le  note e straordinarie contestazioni, la fiducia nei partiti era del 70% mentre  attualmente rasenta solo il5%.Nell’epoca dell’antipolitica non è tramontato, frattanto,ol’interesse dei giovani di stare ed incidere positivamene nel tessuto sociale della comunita’ di appartenenza , co n una sempre piu’ diffusa consapevolezza che non tutta la politica è delegabile ai partiti.Le vicende politiche della nostra provincia ed in particolare delle nostre piccole comunita’ dimostrano che è urgente impegnarsi, con responsabilita’ e competenza, senza essere strumento di potere di strutture partitiche lontane dai bisogni dei cittadini.IL discorso potrebbe  rimanere nel limbo degli auspici se non si individuano i soggetti promotori delle iniziative di formazione : terzo settore e volontariato, Chiesa locale e parrocchie piu’ attente alla crescita integrale del laici cristiani, parte attiva della Chiesa post- conciliare, le famiglie  attente  all’avvenire civile e sociale dei figli  per un  necessario  risveglio culturale, civile e politico , da tempo  non coltivato, preferendo il clientelismo senza futuro e la  delega di compiti  fondamentali per ogni progresso complessivo del  tessuto sociale. A tal proposito non è casuale che  la piu’ longeva delle scuole di formazione si chiami “Comunita’  di Connessioni” per offrire un luogo ad una generazione che si sentiva persa, proprio per la mancanza delle preziose “connessioni” umane, culturali e civili dell’ordito comunitario. Dopo dodici anni  Comunita’ di Connessioni connette diocesi e realta’ associative presenti  in tutto il Paese. Le finalita’ di fondo  della Scuola sono quelle di mettere in pista formativa giovani del mondo associativo che non trovano adeguato spazio formativo e rete di connessioni sociali.La particolarita’ programmatica della Scuola recupera la concretezza di alcuni casi  specifici con una precisa metodologia. Nel panorama delle scuole di formazione alla politica abbiamo gia’ ricordato , nelle precedenti riflessioni tematiche, quella promossa dal nostro  Pellegrino Capaldo denominata “Scuola di Politica Vivere in Comunita’” .Come si puo facilmente notare   il trinomio informatore di queste scuole è formazione-territorio-comunita’. L’elenco di queste realta’ fomrative potrebbe continuare, ma  ravviso l’utilita’ di ricordare che  la Scuola “Giorgio La Pira” di Avellino , Istituita a  fine  2019 , a fronte delle difficoltà collegate al Covid 19 ha registrato una battuta d’arresto, ma  gia’ con la ripresa del prossimo autunno, iniziera’ la sua attivita’ formativa con il sostegno delle Acli Nazionale e di quelle provinciali di Avellino. Sara’ un percorso impegnativo, ma è forte la determinazione di  proseguire nel cammino programmato dal Comitato Tecnico Scientifico , costituito da autorevoli docenti Universitari ed esponenti significativi della societa’ civile.

di Gerardo Salvatore