Urbanistica, convocato confronto interpartitico

0
325

Ariano – Urbanistica, è questo il tema prioritario per l’alleanza che guida il Comune del tracolle, infatti, lunedì è previsto l’incontro interpartitico di cui si era già parlato, per un confronto, appunto, sulle questioni che riguardano il settore dell’urbanistica. In pratica si riparte da un tema molto caro ai socialisti, e non solo, ma da loro sollecitato spesso per rilanciare l’azione di governo cittadino. Da pochi giorni è tornato il sereno, almeno ufficialmente, all’interno della coalizione di Centrosinistra guidata dal sindaco Enrico Franza. E subito si riparte con una delle questioni poste all’ordine del giorno dal gruppo consiliare del Psi. Urbanistica significa affrontare punti del programma amministrativo annunciato alla comunità arianese. A parte le grandi opere che avranno il giusto rislato, altre questioni urbanistiche riguardano la valorizzazione delle Cinque piazze e strade del tricolle, il cui progetto era già partito, ma anche le palazzine di edilizia residenziale pubblica, di Piano di Zona, e ancora recupero di strutture in pieno centro urbano e anche nelle periferie. Ma si tratta anche di affrontare una questione che è centrale per quanto riguarda  il sistema vario di Ariano, con le strade che consentiranno di raggiungere l’Ufita, la Baronia, le valli del Calore e del Cervaro e Miscano. Insomma Ariano vuole ritornare ad essere il centro propulsore dell’intera area vasta, o meglio, definita delle “Quattro valli”. E questo grazie anche alla erigenda stazione Hirpinia in località Santa Sofia. E in tutto questo discorso entra di diritto il progetto di riammagliamento urbano di Cardito. Potrebbe essere questa l’occasione per replicare alle polemiche rilanciate dalle opposizioni sul mancato mantenimento del progetto della strada Manna – Camporeale. Sulla vicenda ci sono due scuole di pensiero, l’una che riguarda appunto la Manna-Camporeale e l’altra che sembra tener conto di un progetto ritenuto non  possibile della strada menzionata. E,quindi, questo secondo progetto guarda ad un rinnovato programma che porti Cardito ad essere collegata con l’Ufita, la stazione e le altre aree che circondano il tricolle. Le minoranze temono che senza la strada Manna-Camporeale si perdano i finanziamenti previsti. La maggioranza  consiliare ritiene invece che si possano spendere sul riammagliamento di Cardito. E su  questo lunedì l’interpartitico dovrebbe segnare una svolta.