Venti di tensione all’Industria Italiana Autobus

0
878

FLUMERI- C’è preoccupazione, tra gli operai dell’industria Italiana Autobus, per il futuro della fabbrica. All’uscita dei cancelli, infatti, dalle tute blu di valle Ufita non trapela, sicuramente,  ottimismo. Il ciclo produttivo ridotto non significa certo, per i sindacati,”rilancio della lavorazione “. I vertici non rispondono alle sollecitazioni e alle richieste dei lavoratori, che vogliono sapere se, quella della privatizzazione, è davvero una ipotesi. Se non proprio una certezza. E anche sul possibile cambio dell’assetto societario. Visto che, da qualche tempo, da queste parti  si sono visti delegati della Caetano Bus, azienda portoghese. In quel caso,allora, per i sindacati vorrebbe dire che si andrebbe incontro ad una” privatizzazione forzata- come ha detto il segretario generale della Fismic, Giuseppe Zaolino”. Entro il prossimo mese di settembre, tra l’altro, Invitalia, con Leonardo socio di maggioranza,  lascerà. E le 367 tute blu sono disorientate. Interviene sulla questione Silvia Curcio, delegata Fiom che ha rappresentato il simbolo della lotta operaia di valle Ufita e dice:” Alla IIA siamo ancora in difficoltà per via dei componenti che non arrivano. E non possiamo, quindi, completare le commesse ricevute “. È stato chiesto, da mesi, un incontro al Mise” per avere chiarimenti in merito alla ricapitalizzazione”. Ma, da Roma, nessuna risposta è arrivata. Sarebbe necessario coinvolgere i politici del territorio. Ma, su quello che potrà fare questo governo, Curcio non nutre grandi speranze. Ma pone alcuni interrogativi.” Dobbiamo capire il riassetto societario, chi saranno i soci e chi rileverà le quote di Invitalia”. Intanto sarà importante, e necessario,”mettere a regime il flussi dei materiali. Cioè avere una programmazione efficiente dei componenti per la produzione ed arrivare nei tempi previsti in modo da poter completare gli autobus che dobbiamo produrre”. E conclude ricordando “l’urgenza di un incontro in via Molise, al Ministero”.
Giancarlo Vitale