VIDEO- Strage del bus, al processo esplode la rabbia dei familiari delle vittime: devono pagare tutti i responsabili

0
342

 

GUARDA VIDEO
Parte con una mole di eccezioni preliminare il dibattimento di 15 imputati della strage del bus ad Acqualonga.Parte con una mole di eccezioni preliminare il dibattimento di 15 imputati della strage del bus ad Acqualonga.
Si conclude sostanzialmente con un nulla di fatto la prima udienza dibattimentale del processo per la tragedia del bus precipitato il 28 luglio del 2013 dal viadotto «Acqualonga» dell’A16
Napoli-Canosa, nel quale persero la vita 40 persone.
Nel corso della prima udienza sono state presentate eccezioni preliminari da parte degli avvocati dei 15
imputati che dovranno rispondere, a vario titolo, di omicidio plurimo colposo, disastro colposo e di falso in atto pubblico.
Dodici dei quindici imputati, rinviati a giudizio il 9 maggio scorso dal Gup del tribunale di Avellino, Gianfrancesco Fiore, sono dipendenti o ex dipendenti della Società Autostrade per
l’Italia, compresi l’ad Giovanni Castellucci e il dg Riccardo Mollo.