Violenze nella manifestazione contro il Green Pass, la condanna unanime dei sindacati

0
475

«La Cgil è per la vaccinazione obbligatoria»

«Il gruppo dirigente irpino e tutte le compagne e compagni si sono riuniti presso la nostra sede. E oggi saremo ancora presenti. C’è bisogno di dare, dalla Campania dall’Irpinia e da tutte le Camere del lavoro, un segnale forte di presidio democratico e in difesa dei nostri valori, della nostra storia contro i fascisti. Resistenza sempre».

Vassiliadis (Ugl): “Gesto indegno. Piena solidarietà al sindacato e al mondo del lavoro”

“Scendere in piazza e manifestare è un diritto solo se fatto in modo pacifico e rispettoso. Il contrario di quello che è stato realizzato ieri a Roma a danno della sede della CGIL: un atto vile ed indegno per una società civile come la nostra”.

Così Costantino Vassiliadis, segretario provinciale dell’Ugl Avellino, in merito all’irruzione da parte dei manifestanti No Vax all’interno della sede della CGIL di Corso Italia a Roma.

“Quei facinorosi non hanno semplicemente danneggiato una struttura ma – precisa Vassiliadis –  hanno colpito il cuore della democrazia e il mondo del lavoro, già brutalmente ferito dalla crisi e dalla profonda emergenza sanitaria del momento”.

L’ Ugl Avellino esprime così “piena solidarietà alla Cgil, ai sindacalisti, ai lavoratori, agli uomini e alle donne che sono parte integrante della società. Piena solidarietà anche alle forze dell’Ordine, sentinelle della legalità e costantemente a rischio in nome della sicurezza. L’auspicio è che vengano a identificati al più presto gli autori di questo vile gesto e fatta presto giustizia”.

La solidarietà di Rifondazione Comunista

L’assalto alla Cgil non è una normale contestazione, è un atto di deliberato squadrismo. A guidarlo sono i neofascisti che dall’inizio della pandemia dirigono e strumentalizzano le manifestazioni contro la presunta dittatura sanitaria.

L’invasione della sede del sindacato di Giuseppe Di Vittorio da parte di fascisti guidati da Roberto Fiore e Giuliano Castellino di FN è inaccettabile e non può che essere condannato l’operato di chi gestisce l’ordine pubblico a Roma che non ha garantito la protezione alla sede della più grande organizzazione dei lavoratori italiani. Esprimiamo  la solidarietà di Rifondazione Comunista al compagno Maurizio Landini e a tutta la Confederazione Generale Italiana del Lavoro.

Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea