Volturara Irpina, vicinanza del Consiglio a Iannace e agli agricoltori. Istituite 4 commissioni

Per la prima volta il comune altirpino potrà avere il supporto di organismi che saranno presieduti da cittadini esterni

0
349

Per la prima volta nella storia di Volturara Irpina, il Consiglio comunale di Volturara Irpina, riunitosi lunedì scorso, ha istituito quattro commissioni consiliari che si occuperanno di agricoltura e territorio, commercio, cultura e associazionismo e diritti civili e pari opportunità. Elemento che contraddistinguerà i nuovi organismi, così come previsto dallo Statuto, sarà la possibilità per i cittadini esterni al Consiglio comunale di esserne componenti e anche di presiederle.

Il Consiglio comunale, poi, su proposta del Primo Cittadino, Marino Sarno, ha espresso all’unanimità la propria vicinanza agli agricoltori, in questi giorni impegnati a manifestare contro le politiche in tema di ambiente dell’Unione Europea, fortemente penalizzanti per gli operatori del settore e per le tante aziende, anche volturaresi, che assicurano un’occupazione a centinaia di persone.

“Le istituzioni europee – ha affermato Sarno – devono trovare un equilibrio tra la tutela ambientale e le necessità dei nostri agricoltori. È del tutto inaccettabile che le leggi eccessivamente stringenti pensate a Bruxelles finiscano col mortificare chi vive in condizione di difficoltà acuite negli ultimi anni dalle conseguenze della pandemia da Covid. Una condizione, questa, che rischia di portare alla chiusura tante aziende che hanno fin qui garantito un’occupazione e un futuro a tante persone e prodotti di altissima qualità alle nostre famiglie.”

Infine, il Sindaco ha espresso la vicinanza di tutta l’amministrazione comunale nei confronti del dott. Carlo Iannace, direttore dell’Unità Breast del ‘San Giuseppe Moscati’ di Avellino. A seguire è intervenuto il Capogruppo de ‘Il Sole – Uniti per Volturara’, Daniele Di Feo, che, unendosi al Primo cittadino, ha manifestato la vicinanza del suo Gruppo al senologo.

“Gli ultimi accadimenti – ha affermato Di Feo – hanno messo a rischio la possibilità che il dott. Iannace continui a svolgere la sua professione, privando così non solo la nostra comunità di una presenza preziosa, di una persona rassicurante, incoraggiante, evidentemente buona e generosa.  E soprattutto privando tutti di cure che, molto spesso, sono persino vitali per chi è colpito dalla malattia.”

“Nel pieno rispetto delle Istituzioni e del nostro Ordinamento Giuridico – ha aggiunto -, il Consiglio comunale esprime non solo la vicinanza della nostra Comunità al dottor Iannace, ma anche l’auspicio che le tante persone che egli assiste possano continuare a beneficiare del suo impegno professionale e della sua generosità.”