Zungoli al voto, in tre in corsa al voto?

0
329

Zungoli – Il passe come tutti i piccoli e grandi Comuni sta subendo il salasso delle giovani generazioni e in questo momento in cui si pensa costruire le liste per il rinnovo del Consiglio comunale manca l’entusiasmo giovanile.

A questo punto tutto resta nelle mani di chi è rimasto in paese. In vista del rinnovo del Consiglio comunale il sindaco uscente, Paolo Caruso, appare intenzionato a ricandidarsi. Tuttavia ci sono indiscrezioni in paese che parlano di resistenze da parte di altri uscenti che aspirerebbero ad un ruolo più importante. Nel campo opposto, il gruppo che fa riferimento alla figura dell’ex sindaco Genesio De Feo appare fermo. In posizione di attesa per capire come si evolve la vicenda all’interno della maggioranza uscente. Auspicando una sorta di implosione per poter consegnare alla comunità un’ipotesi di alternativa.

Il gruppo è sorto dall’esperienza amministrativa di De Feo e si è cementato nelle successive esperienze, formando un gruppo coeso e solido. Il sindaco uscente Caruso vorrebbe completare quanto ha programmato nelle precedenti occasioni amministrative, ma come detto deve fare i conti con le aspirazioni, legittime, di suoi colleghi di lista. La sfida elettorale potrebbe anche portare ad una competizione a tre. Molto attiva in questa fase è la consigliera Anita Grande, primatista di consensi in più tornate elettorali. Tuttavia le sue performance, formidabili sotto l’aspetto dei consensi, non le hanno consegnato risposte positive. Nessuna carica in Giunta e questo potrebbe essere motivo scatenante di un suo impegno in prima persona.

A meno di un recupero di rapporti con chi ora sembra porsi oltre il sindaco uscente, e costruire un’alternativa allo stesso Caruso. La domanda dei cittadini di Zungoli di fronte a questa eventualità è: il gruppo legato a De Feo cosa farà? Si misurerà con gli altri oppure appoggerà uno dei contendenti, o addirittura rimarrà a guardare? Difficile che questo gruppo rimanga senza fare nulla. E c’è la certezza dell’assenza dell’effervescenza dei giovani.