Ariano: “Grave che il sindacato non possa fare ispezione al carcere”

0
530

E’ la prima volta che accade un evento del genere. Avevamo regolarmente annunciato la visita e il Provveditore Regionale aveva inviato avviso di routine al direttore  del carcere di Ariano Irpino che aveva a sua volta autorizzato la visita a mezzo Pec. Tutto nella normale e prevista visita ispettiva sindacale. Ma all’ingresso il segretario Generale Licia Morsa  e Orlando Scocca Coordinatore Regionale polizia penitenziaria non hanno trovato né il direttore né il comandate, nessuno gli ha indicato dove andare e con chi parlare. Le porte degli uffici di direzione chiuse a chiave. E’ una cosa grave!

“Stamane eravamo presenti per accertarci della situazione critica rappresentataci ed infatti il comportamento del direttore non è giustificabile”.

L’attuale gestione delle risorse umane sta causando disagio psicofisico al personale una filosofia gestionale che è da ricercare come la causa di una forma diffusa di malumore nonché di una concitata condizione di “Stress”, il modo in cui vengono organizzati i turni di lavoro con una palese violazione delle norme vigenti, iniquità di trattamento, violazione del criterio dell’uguaglianza di posizione e di attitudine professionale, delle pari opportunità, nonché le previste e necessarie eque condizioni lavorative.

“Dopo l’evento di oggi chiederemo al Provveditore della Campania di sottoporre alla Commissione Arbitrare Regionale il comportamento anomalo tenuto questa mattina dalla Dr.sa Mariarosaria CASABURO  e nelle more interromperemo le relazioni sindacali fino al ripristino delle corrette relazioni”.