Autore: Vincenzo Fiore

Di Vincenzo Fiore Liberati dall’idea di Dio, i discepoli di Zarathustra si misero a venerare un asino. Abbattute le antiche divinità, gli uomini restano incatenati al loro ineliminabile sentimento religioso, che, come un parassita, si attacca a qualsiasi surrogato. Lo sapeva bene Nietzsche, quando auspicava di vincere anche l’ombra di Dio, che continuerà a essere additata nelle caverne e non smetterà di emanare il suo odore. Ne è consapevole, in fondo, anche il poeta Nicola Vacca del fatto che la morte di Dio non è ancora un evento di massa, ma, nonostante ciò, nei suoi versi spietati non c’è assoluzione per…

Leggi

Di Vincenzo Fiore – «Gli studenti universitari non sono in grado di elaborare un testo complesso». È il dato che emerge dal progetto UniverS-Ita, un lungo lavoro di ricerca coordinato da Nicola Grandi, direttore del dipartimento di filologia classica e italianistica dell’Alma Mater, per capire quale sia lo stato della conoscenza dell’italiano tra chi frequenta l’università. Nella ricerca è stato coinvolto un campione di 2137 studenti, provenienti da quattro atenei (Bologna, Pisa, Macerata e l’università degli stranieri di Perugia) e da diverse facoltà, come riporta il quotidiano La Repubblica. La causa di questo ennesimo dato allarmante viene individuata nell’impoverimento del linguaggio…

Leggi

Di Vincenzo Fiore Scriveva Emil Cioran, un pensatore che mai direttamente si è occupato di politica, che qualsiasi regime nasconde in sé un grado di malvagità, bisogna saper distinguere soltanto fra le «diverse sfumature del peggio». Perché di sfumature si parla, soprattutto nell’interpretazione delle drammatiche vicende che stanno interessando il Medio Oriente, al contrario ingenui e forse un po’ ipocriti appaiono i commenti di coloro che, con la comodità dell’osservatore da scrivania, dividono serratamente in bianco e nero, in bene e male, in buoni e cattivi. Se l’ultimo attacco di Hamas iniziato all’alba del 7 ottobre con l’operazione chiamata «Tempesta…

Leggi

Di Vincenzo Fiore È da qualche settimana in libreria l’ultimo lavoro di Umberto Galimberti Il libro delle emozioni (Feltrinelli), un viaggio critico nel vissuto interiore di ognuno di noi in un’epoca in cui le emozioni vengono spesso filtrate o intrappolate nelle barriere virtuali del digitale. Galimberti ci invita in questo testo a ritrovare il nostro spazio intimo e ci ricorda l’antica lezione delfica di indagare verso l’interno, ovvero di conoscere se stessi. Professore nel suo nuovo libro scrive che i nativi digitali non si rendono conto che la rete non è un mezzo a loro disposizione, ma è un mondo…

Leggi

Di Vincenzo Fiore Celebrare la Liberazione e la Resistenza, significa ricordare una grande storia composta dal sacrificio e dalla lotta di tanti uomini e di tante donne che con le loro azioni hanno contribuito a costruire le basi della società democratica. Quella che ricordiamo oggi è la storia di un calciatore che dinanzi alla barbarie nazi-fascista portò avanti la sua partita per la vittoria. Nato e vissuto nella provincia di Cuneo, Renato Marchiaro aveva iniziato la sua carriera calcistica nelle giovanili della Juventus, fino a esordire in Serie A con la maglia bianconera. Quando l’8 settembre del 1943 il nuovo…

Leggi

Di Vincenzo Fiore «Tutte le consuetudini seguite in passato per le esequie furono sconvolte; ciascuno provvedeva alla sepoltura come poteva. Molti, mancando del necessario poiché avevano già avuto molti morti, compivano l’opera di sepoltura in modo vergognoso, utilizzando pire che già erano state innalzate per altri cadaveri: alcuni prevenivano chi aveva provveduto ad accatastare la legna e, deposto sulla pira il proprio morto, subito appiccava il fuoco, altri invece gettavano su una pira – mentre già vi ardeva un altro cadavere – il corpo che avevano portato e se ne andavano», se non fosse per la diversa ritualità funebre odierna,…

Leggi

Di Vincenzo Fiore “Konou konou” è il motto in lingua Fon che viene insegnato ai bambini della Repubblica del Benin e significa “sorridi, sorridi”. Si tratta di un invito a guardare con ottimismo al futuro, di avere speranza nelle possibilità che può offrire la vita. Nonostante il sogno di un avvenire migliore e l’atteggiamento di positività che viene tramandato, la realtà di questo Paese racconta trame molto più oscure e drammatiche. Il Benin è un piccolo stato dell’Africa occidentale – che conta appena circa 8 milioni di abitanti, di cui l’80% vive in zone rurali, dove la case sono costruite…

Leggi