Iannuzzi, nuovo vescovo

0
605

La chiesa irpina si arricchisce di un’al – tra eminente figura di prelato, già unanimemente amato e stimato. Mons. Sabino Iannuzzi ha ricevuto l’ordinazione episcopale, sabato scorso, all’interno del Palazzo dello Sport “Pala Tedeschi” di Benevento. Mons. Felice Acrocca, arcivescovo metropolita di Benevento, ha presieduto il rito dell’imposizione delle mani con la preghiera di ordinazione. I vescovi conconsacranti sono stati Mons. Josè Rodriguez Carballo, segretari della Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata e le Società di Vita Apostolica e mons. Claudio Maniago, arcivescovo metropolita di Catanzaro – Squillace -. Straordinaria la partecipazione di vescovi, confratelli francescani, associazioni di ispirazione cristiana, autorità civili – Prefetto di Benevento con il sindaco Clemente Mastella, molti sindaci di comuni sanniti e il sindaco di Avellino Gianluca Festa – e rappresentanti di tutte le forze dell’ordine pubblico. Numerosissima – oltre cinquecento – la presenza di fedeli di Castellaneta in provincia di Taranto dove mons. Iannuzzi andrà a svolgere la sua funzione episcopale con il prossimo due giugno. Tra i vescovi presenti anche mons. Aiello, vescovo di Avellino e Melillo, vescovo di Ariano Irpino. Il nuovo vescovo è nato ad Avellino dove ha frequentato le scuole statali fino al conseguimento del diploma di ragioneria e perito commerciale. Subito dopo maturò la sua scelta presbiteriale nel clima pastorale francescano della parrocchia del Cuore Immacolato di Maria, fino ad entrare nella Provincia dei Frati Minori del Sannio e dell’Irpinia “Santa Maria delle Grazie”. Il 24 agosto 1995 fu ordinato sacerdote dall’amato vescovo di Avellino, mons. Antonio Forte. Rilevanti gli studi successivi sul piano filosofico- teologico presso la Pontificia Università Antonianum di Roma e la Facoltà teologica dell’Italia Meridionale di Napoli. Anche nel campo della “Gestione, amministrazione e controllo degli Enti Ecclesiastici “mons. Iannuzzi si specializzò con notevole competenza. Sono tante le responsabilità pastorali all’interno della Chiesa beneventana non solo, come quella di Presidente dell’Unione dei Frati Minori europei. L’Albo dei giornalisti pubblicisti della Campania, dal 2002, ha tra i suoi iscritti Mons. Iannuzzi. Un prelato, quindi, di straordinario profilo pastorale e culturale e di efficace comunicazione sociale. Ha sempre dimostrato di incarnare autenticamente la visione di Papa Francesco di una “Chiesa in uscita” in cammino sulle vie del mondo contemporaneo con tutto il popolo di Dio. Chi ha avuto il piacere di partecipare, come invitato al rito dell’ordina – zione, ha potuto subito avvertire l’eccezionale clima di entusiastica ed affettuosa partecipazione di tutta la comunità ecclesiale del Sannio, dei fedeli della parrocchia avellinese del Cuore Immacolato di Maria e di rappresentanti della Consulta delle Aggregazioni Laicali della diocesi di Avellino. Lo stemma episcopale di mons. Iannuzzi è contrassegnato da uno scudo araldico sormontato da due mani sovrapposte, quella di Cristo e quella di San Francesco contrassegnata dalle stimmate. Il significativo afflato pastorale ha caratterizzato la prima omelia vescovile di mons. Iannuzzi. Anche le ACLI irpine sono state rappresentate da chi scrive e quelle regionali rappresentate da Filiberto Parente, presidente regionale delle stesse ACLI.

di Gerardo Salvatore