In arrivo un’ondata di caldo ancora più forte

0
801

L’ANTICICLONE SUBTROPICALE NUOVAMENTE PROTAGONISTA SULL’ITALIA – “Anche nei prossimi 7-10 giorni il caldo sarà l’assoluto protagonista sull’Italia grazie alla presenza dell’anticiclone subtropicale ben strutturato sul Mediterraneo centro-occidentale. Dall’inizio della prossima settimana sembra inoltre ormai probabile l’arrivo di una seconda e più intensa ondata di caldo che questa volta raggiungerà il suo apice sulle regioni del Centro-Nord”. A confermarlo è il meteorologo di 3bmeteo.com Andrea Vuolo che aggiunge: “Le temperature subiranno un ulteriore rialzo specie al Nord, sulle regioni centrali tirreniche e sulle Isole maggiori, con valori termici che potrebbero anche raggiungere punte di 35-37°C in Pianura Padana, 36-39°C tra Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Lazio e punte oltre i 40°C sulle zone interne di Sicilia e Sardegna. Farà meno caldo invece sul versante adriatico, specie in Puglia, dove la ventilazione tenderà gradualmente a disporsi dai quadranti settentrionali complice una blanda circolazione depressionaria sulla Penisola balcanica.”

CITTA’ ROVENTI, AFA ANCHE NELLE ORE NOTTURNE – “Questa ondata di calore giungerà proprio in prossimità del solstizio d’estate, quindi nel periodo con meno di ore di buio dell’anno: il caldo e l’afa si faranno quindi sentire notevolmente anche durante la notte, specie nelle aree urbane e lungo le coste. Secondo gli ultimi aggiornamenti dei modelli numerici, le città che la prossima settimana potrebbero risultare più calde sono: Torino, Asti, Alessandria, Milano, Lodi, Cremona, Modena, Reggio Emilia, Bologna, Ferrara, Rovigo, Firenze, Pistoia, Arezzo, Prato, Terni, Roma, Frosinone, Rieti, Sassari, Alghero, Oristano, Catania, Caltanissetta, Cosenza, Caserta e Napoli.

POSSIBILI TEMPORALI AL NORD TRA VENERDÌ E SABATO  “Si segnala, tuttavia, una possibile – seppur solo temporanea – fase più instabile tra le giornate di venerdì 21 e sabato 22 giugno, quando aria più umida e fresca di origine atlantica raggiungerà il Nord Italia determinando la formazione di temporali su Alpi e Prealpi, in estensione anche sulle pianure di Piemonte, Lombardia e Triveneto, talora anche di forte intensità e con possibili grandinate, improvvise raffiche di vento ed un lieve calo termico. Qualche temporale di calore non si esclude anche sulla dorsale appenninica centro-settentrionale e relative aree collinari” – conclude il meteorologo Andrea Vuolo di 3bmeteo.com.