L’attore e regista Marco D’Amore chiude la seconda edizione de “Il cinema del pensiero”

0
757

L’attore e regista Marco D’Amore chiude la seconda edizione de “Il
cinema del pensiero”, la rassegna di film e incontri per le scuole
superiori su grandi temi dell’umanità e del nostro tempo, realizzata
nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MIUR e
MIBACT (Bando Cinema per la Scuola – Buone Pratiche, Rassegne e
Festival A.S. 2018/2019), a cura di “Parallelo 41 Produzioni” e in
collaborazione con l’Università degli Studi Federico II e le
associazioni “Un’altra galassia” e “Astrea sentimenti di
giustizia”. Dopo un percorso “entusiasmante” iniziato a febbraio
2021 che ha visto, nonostante le difficoltà del periodo pandemico,
oltre tremila ragazzi partecipare alla visione online dei film e più di
trecento studenti a settimana confrontarsi con gli autori, Marco
D’Amore sarà protagonista dell’evento di chiusura venerdì 21
maggio alle ore 10 e dialogherà online con oltre trecento studenti
sulle tematiche del film di cui è protagonista “_Un posto sicuro_”,
drammatica vicenda di una vittima dell’amianto nello stabilimento
Eternit di Casale Monferrato. Disponibile gratuitamente sulla
piattaforma RaiPlay, il film, scritto dallo stesso D’Amore con il
regista Francesco Ghiaccio, è un progetto a cui l’attore è molto
legato proprio per il tema affrontato. È la storia di Luca, un
trentenne senza più sogni che si guadagna da vivere come clown per le
feste private, che riceve una notizia drammaticamente improvvisa: suo
padre Eduardo, ex operaio Eternit, sta morendo di mesotelioma.

In via straordinaria, oltre che per i partner del progetto, è possibile
per i docenti delle scuole superiori della Campania partecipare con i
propri studenti richiedendo il link riservato dell’incontro via mail
all’indirizzo: _prenotazionip41@gmail.com._

Dopo il successo nel 2019 con oltre cinquemila ragazzi nell’Auditorium
del Complesso Universitario di San Giovanni a Teduccio, quest’anno per
la “seconda edizione”, gli studenti delle scuole superiori
(Alberghiero Cavalcanti, I.S.I.S. Livatino, Liceo Don Lorenzo Milani di
san Giovanni,  Liceo Flacco, I.I.S. Nitti di Portici, e I.S.I.S. Nitti e
Istituto Bernini  di Napoli), hanno assistito alla visione di dodici
film disponibili online per 72 ore attraverso la piattaforma mymovies.it
[1], per citarne alcuni “_Tonya_” di Craig Gillespie (2017),
“_Cold War_” di Pawel Pawlikowski (2018), “_L’insulto_” di
Ziad Doueiri (2017), “_Famiglia all’improvviso_” di Hugo Gélin
(2016) e dialogato online su zoom con ospiti e autori: i registi Ciro
D’Emilio per “_Un giorno all’improvviso_” (2018),  Agostino
Ferrente per “_Selfie_” (2019), Andrea D’Ambrosio per “_Due euro
l’ora_” (2015), Marcello Sannino per “_Rosa pietra stella_”
(2020), e Doriana Monaco per “_Agalma_”, lo sceneggiatore Maurizio
Braucci per “_Martin Eden_”(2019).

Oltre alle proiezioni e agli incontri, gli studenti di queste scuole e
quelli di altre aderenti (Artemisia Gentileschi, Margherita di Savoia,
Licei Pansini, Sannazzaro,  Labriola,  e Torricelli di Somma Vesuviana)
hanno seguito con grande interesse i quattro incontri di critica
cinematografica per analizzare alcuni film selezionati: con Rosario
Gallone, critico e docente Scuola di cinema e fotografia Pigrecoemme per
il film “_Cantando sotto la pioggia_” di Stanley Donen e Gene Kelly
(1952); con Anna Masecchia, docente del corso di laurea in “Discipline
della Musica e dello Spettacolo” Università degli studi di Napoli
Federico II, per “_Cleo dalle 5 alle 7_” di Agnès Varda (1962); con
Pedro Armocida, critico e direttore della Mostra Internazionale del
Nuovo Cinema di Pesaro, per “_I 400 colpi_” di François Truffaut
(1959) e infine con Massimiliano Virgilio, scrittore, sceneggiatore e
giornalista, per “_Still life_” di Uberto Pasolini (2013). I
migliori tre commenti di critica a cura degli studenti verranno premiati
con corsi di cinema alla Pigrecoemme di Napoli.