Marchizza si presenta: “Volevo fortemente l’Avellino”

0
1170

Riccardo Marchizza, dopo un lungo corteggiamento è un calciatore dell’Avellino. Una trattativa lunghissima che ha tenuto banco per tutta l’estate, ma i grandi sforzi della società hanno permesso l’approdo in Irpinia del classe ’98. L’ex capitano della Primavera della Roma si è presentato alla piazza: “Novellino è stato fondamentale per me – sottolinea – Ci siamo sentiti spesso durante l’estate, sono felice di poter lavorare con un tecnico di grande esperienza”.

Marchizza parla anche del ruolo: “E’ normale che negli anni giocare a sinistra mi ha aiutato tantissimo – spiega – Sono l’ultimo arrivato, ma già dal primo allenamento mi sono trovato bene con i miei compagni”.

“La mia storia con l’Avellino inizia tre anni fa – racconta – Il direttore mi aveva fatto una mezza promessa, per quanto riguarda quest’estate appena finito il campionato con la Roma ero già d’accordo con la società successivamente sono passato al Sassuolo, ma fin da subito avevo comunicato al procuratore di venire qui ad Avellino”.

“Il mister è stato uno delle chiavi fondamentali – continua Marchizza – Gli ho sempre detto di aspettarmi, per me è un grande onore lavorare con un tecnico dalla grande esperienza come Novellino”.

“Tovalieri mi ha allenato da piccolo, ma anche lui è stato una chiave importante per questo passaggio ad Avellino. E’ stato fondamentale per il mio percorso di crescita”.

“Tutti mi hanno parlato bene della piazza – continua – Rispetto alle altre ti mette quella passione in più. Per me passare tra i professionisti sarà un grande viatico. Mi ispiro a Barzagli, magari spero di raggiungerlo per quello che ha fatto”.

“E’ chiaro che quello che è successo mi ha scosso un po’ – spiega – Ho fatto dieci anni alla Roma, il Sassuolo ha creduto fortemente in me. Adesso sono concretato di essere qui”.

“Il mondiale è stata una grande esperienza per me – continua Marchizza – E’ una vetrina importante per la mia crescita”.