Taurasi celebra Antonio Mastroberardino a dieci anni dalla scomparsa

0
618

Una giornata di studio per celebrare il successo riscosso dal vino Taurasi, premiato come quinto vino al mondo nel 2023 da Wine Spectator, Bibbia da tutti gli appassionati. Un riconoscimento che accende i riflettori su tutto il territorio, chiude il calendario di eventi dedicati al Trentennale del riconoscimento DOCG e diventa l’occasione per ricordare il decennale della scomparsa del cavaliere del lavoro Antonio Mastroberardino che ha dedicato la sua vita alla tutela di questo vino. A lui sarà intitolata una piazzetta nel cuore del paese affinché la sua vita operosa sia ricordata come esempio dalle generazioni future.

Si comincia alle 17  a Taurasi con il convegno su “Il ruolo di Antonio Mastroberardino dalla difesa del Taurasi alla rinascita della DOCG”. Dopo i saluti del prefetto di Avellino Paola Spena e del sindaco Antonio Tranfaglia spazio alla presentazione “Mastroberardino per Taurasi”: una sequenza di documenti storici estratti dal MIMA, Museo d’Impresa Mastroberardino Atripalda, commentati in un talk da Daniele Cernilli, Antonio Limone e Piero Mastroberardino, con la guida di Luciano Pignataro. Una figura, quella di Antonio Mastroberardino, decisiva per rilanciare l’economia vitivinicola irpina. Fu lui, al termine della seconda guerra mondiale, a scommettere sui vitigni tradizionali – fiano, greco, aglianico. Nel 1968 la sua fu una delle prime aziende a vinificare separatamente 3 cru diTaurasi, Piano d’Angelo, Castelfranci e Montemarano. Nominato da Ciampi, Cavaliere del lavoro, ha contribuiro in modo decisivo alla elaborazione dei disciplinari di produzione del Taurasi, del Greco, del Fiano e del Lacryma Christi. Il suo lavoro nei vigneti ha portato alla selezione di due cloni di Aglianico che significativamente portano il nome di “Antonio Mastroberardino VCR 418″ e “Antonio Mastroberardino VCR 421”. Dopo le conclusioni dell’assessore regionale all’Agricoltura Nicola Caputo il sindaco Tranfaglia annuncerà l’intitolazione della piazzetta del Comune di Taurasi al Cavaliere del Lavoro Antonio Mastroberardino.

Alle 18.30 l’appuntamento, organizzato in collaborazione con l’Ais Campania, dal titolo “Il Taurasi: un’analisi degli stili interpretativi del Taurasi alla luce di una annata particolare”: una degustazione comparativa delle tre etichette 2016, Radici 2016 Riserva premiato da Wine Spectator, Naturalis Historia Riserva 2016 e Stilema Riserva 2016, condotta da Daniele Cernili, Doctor Wine e Tommaso Luongo, presidente dell’Ais Campania, con Luciano Pignataro e Piero Mastroberardino. Con questa giornata il Comune di Taurasi vuole ribadire la centralità della viticultura nel territorio taurasino come occasione di tutela del paesaggio e possibilità per i giovani di costruire con orgoglio il proprio futuro in Irpinia.