Alla scuola di Montefredane la “Giornata dell’ambiente”

0
745

Si è tenuta ieri 27 novembre alle ore 10,00 a Montefredane, nell’auditorium della Scuola Don Lorenzo Milani, la “Giornata dell’ambiente”. Gli alunni si sono esibiti in canti e testi poetici sulle note del Cantico delle Creature di S. Francesco d’Assisi, e hanno poi interrato la pianta donata dall’amministrazione nel giardino adiacente. Ha moderato il dibattito, l’insegnante, Gerarda Pascarella, coordinatrice responsabile del plesso, per la quale: “Educare all’ambiente  è legato alle azioni. È un’educazione al bello, a percepirsi nel bello del Creato. Bisogna conoscere le risorse del nostro territorio, se non ne intendiamo la bellezza e le potenzialità, non saremo in grado di proteggerlo”. Ad animare il confronto, il dirigente, Vincenzo Serpico, il sindaco di Montefredane, Valentino Tropeano, il sindaco di Parolise, Antonio Ferullo, il presidente del Parco Regionale del Partenio, Francesco Iovino, l’assessore Carmela Moriano e il parroco di Montefredane, Don Tonino Dente. Vogliamo sensibilizzare i nostri ragazzi – ha sottolineato il dirigente, Vincenzo Serpicosull’importanza della difesa dell’ambiente. Mi aggancio alle parole che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha pronunciato nella mia città, L’Aquila, secondo cui l’ambiente è in cima alle preoccupazioni dei giovani e la scuola è il terreno elettivo dove coltivare progetti in merito. Dovete diventare tutti sentinelle, artefici e testimoni, e reagire difronte alle negligenze”. Per Valentino Tropeano: “Abbiamo realizzato numerose iniziative per la salvaguardia dell’ambiente, dal recupero delle acque a forme di energia alternativa, al ripristino del patrimonio edilizio esistente. Da molti anni piantiamo un albero quando nasce un bambino e voi ne siete i custodi. Sarebbe utile introdurre come materia d’insegnamento, l’Educazione all’Ambiente ”. Carmela Moriano: “Voi ragazzi dovete partire da un concetto importante, il rispetto. Il rispetto non va rivolto solo alle persone, ma anche allo spazio in cui viviamo. Sia a scuola che in famiglia, fin da bambini, bisogna accostarsi a questo principio e farlo proprio”. Antonio Ferullo ha precisato: “Lo sfruttamento intensivo dei combustibili fossili, costituisce una minaccia reale. Incentivare l’ecosostenibile può restituire slancio anche al territorio. Dovete trattare l’ambiente come trattate la vostra stanza. Se la vostra camera è in gran disordine, dovete sistemarla, altrimenti diventa invivibile. Questo accade anche nei luoghi in cui agite”. “Proteggere l’ambiente significa proteggere noi stessi – Francesco Iovino – Il Parco del Partenio è un tesoro che non conosciamo abbastanza. Salvaguardarlo può aiutare a ridurre il problema della sicurezza delle montagne, come le alluvioni e le frane, ma anche lo spopolamento assiduo delle zone interne”. “Dobbiamo farci discepoli del Papa – ha esortato Don Tonino Dente – che nell’enciclica Laudato sì, ha tratto ispirazione da S.Francesco. La cura per il Creato diventa lo scopo preminente. Papa Francesco sostiene che l’uomo si sviluppa in una triplice dimensione, la relazione con Dio, con il prossimo e con il Creato. Si tratta di tre realtà inscindibili che non si possono separare”.Una manifestazione densa di contenuti che ha collaudato e incrementato l’impegno dell’I.C. Don Lorenzo Milani a sviluppare la coscienza dei più giovani nel solco indefettibile dei valori.

Monia Gaita