Caruso: difendo il diritto di dedicarmi alle sudate carte in libertà

0
992

Non risparmia stilettate al ministro Pellegrino Caruso, docente al liceo Convitto Colletta. “Dove e’ finita la mitica task Force? – si chiede – Dove sono finite le mitiche ” scudiere” del Ministro che non sono mai entrate in classe?Che tristezza lottare per far capire l’evidente disagio di una scuola dove a docenti( pagati come anni fa) e dirigenti, piu’o meno capaci di alzare la testa ma pagati di certo meglio, viene richiesto solo di destreggiarsi, di sopravvivere…Occorre un riorientamento pedagogico della scuola ..ed a chi mi parla di umori personali o mi suggerisce congedi da chiedere rispondo che non mi ha mai spaventato lavorare, ma merito di essere messo nelle condizioni di farlo ” aequo animo””. Caruso rivendica la serenità come condizione essenziale per svolgere il proprio ruolo di insegnante:” …Voglio e devo dedicarmi al mio compito di insegnante, di educatore…devo avere la libertà di sfogliare ” sudate carte” magari anche ” d’ in su i veroni” di casa mia, in attesa che arrivi un ” maggio odoroso ” di cui godere…di questo passo finiremmo a turno ” da chiuso morbo” combattuti e vinti…Il respingimento del ricorso al Tar contro De Luca fa ancora sperare che si possa correre al riparo prima della tempesta”