Da qualche parte, il cinema per contrastare lo spopolamento. Protagonisti a Villamaina gli studenti dell’Ic Pascoli

0
242

Il cinema per il progresso del territorio ed il contrasto allo spopolamento.  Notevole successo ha riscosso all’Anfiteatro di Villamaina,  promosso da Kinesis Video Lab , il laboratorio etnografico per giovani video esploratori del territorio, il cortometraggio “Da qualche parte”,  realizzato dai ragazzi dell’I.C. “Pascoli”, guidato dal dirigente Franco Di Cecilia. Alla presentazione, interverranno Franco Di Cecilia,la professoressa Johanna Monti, docente dell’Università Orientale di Napoli, partner dell’iniziativa, il sindaco Nicola Trunfio. Le relazioni sono di Mauro Brondi, responsabile didattica cinematografica, Roberto Flammia, di Irpinia Film Commission, Francesco Della Calce, critico cinematografico. Al termine della proiezione e del dibattito, lo spettacolo musicale de I Makardia “Storie d’amore e transumanza”.

Il lavoro si caratterizza per gli accenti poetici, legati al racconto del territorio, ma anche alla sensibilità dei ragazzi. “Abbiamo creato un racconto per immagini molto toccante- commenta Flammia- per  raggiungere l’obiettivo di cogliere la bellezza delle nostre comunità, attraverso la capacità narrativa, ma anche la creatività dei ragazzi”-.  Un ruolo importante nella realizzazione dell’opera è svolto dall’Università Orientale di Napoli. “ Il docu film- precisa la prof.ssa Johanna Monti – è parte di un progetto più ampio, di cui l’ateneo Orientale di Napoli è capofila, che coinvolge diversi comuni della Valle Ufita. Abbiamo scelto di estendere il nostro percorso anche all’I.C. Pascoli, coinvolgendo i ragazzi nella realizzazione del cortometraggio, anche attraverso le interviste agli anziani del luogo”-. L’opera cinematografica ha sancito una collaborazione tra ateneo napoletano, irpinia Film Commission e la Scuola di Cinema “Pigrecoemme”.  “Un progetto importante- conclude il dirigente scolastico Franco Di Cecilia- che ha permesso ai nostri allievi di conoscere e di raccontare il loro territorio”-.