“La villa del tempo assente” Pisano si racconta ad Avellino Letteraria

0
735

E’ una denuncia della difficile condizione in cui vivono gli anziani, rinchiusi in strutture dove sono abbandonati a loro stessi quella che lancia Domenico Pisano nel suo romanzo “La villa del tempo assente”, edito da Italia Pequod. Il romanzo sarà presentato questo pomeriggio, alle 17, a Villa Amendola nell’ambito di Avellino Letteraria. Interverranno Maria Cristina Fruncillo, già presidente di Rsa e la giornalista Daniela Apuzza. Nato a Montefalcione, Domenico Pisano ha insegnato italiano e latino al liceo Statale Virgilio di Avellino ma ha sempre affiancato all’attività di docente quella di scrittore. “La villa del tempo assente”, si fa  riflessione sulla vecchiaia, sul “tempo assente”. Punto di partenza della storia la casa per anziani, “Villa Sorriso”, nella quale è ospitato Giuseppe. Alla sua morte, il figlio, recupera gli effetti personali, tra i quali una scatola di cartone contenente molti suoi appunti scritti a mano, note senza una data precisa, introdotte solo da ieri, oggi, domani. Sarà l’inaspettata scoperta di una dimensione di vita sconosciuta. La dura esperienza nella casa sarà attraversata da momenti di cruda realtà e altri di tenera malinconia tra ferocia e amore, indifferenza e solidarietà, ricordo e oblio. Un confronto per ribadire la necessità di rispettare la dignità di un anziano e di testimoniare come quel tempo può essere colmato con l’amore