Morte Bianco, Ricciardi (Pd): “Grande uomo delle Istituzioni e storico coraggioso”

0
1051

“Mi addolora profondamente la scomparsa di Gerardo Bianco; ci lascia l’intellettuale più coraggioso dei “Magnifici 7”, l’architrave di una classe dirigente irripetibile che, dalla provincia di Avellino, è stata in grado di segnare in maniera incancellabile la storia dell’Italia repubblicana dagli anni ’60 del secolo scorso in poi. Lo dichiara in una nota il deputato irpino del Pd, Toni Ricciardi

“Due dei grandi meriti che riconosco a Bianco, tra gli altri, sono la profonda convinzione che bisognasse approfondire in chiave storica quella che è stata la gestione politica della ricostruzione post sisma e la strenua difesa delle aree interne del Paese”.

“Un uomo -aggiunge Ricciardi- legato alla sua Guardia Lombardi da dove è partito per diventare uno dei migliori rappresentanti della classe dirigente italiana, un autentico servitore dello Stato: raffinato pensatore, uomo colto e libero che ha dato un contributo significativo anche alla nascita del centrosinistra. Anche se non si è mai iscritto al Pd -prosegue il deputato del PD- non perdeva l’occasione per ricordare come fosse l’unico contenitore in grado di dare forma e pensiero alla società in evoluzione, ma che andava rivisto e riformato alla luce delle nuove sfide di questo tempo. Ed oggi appare più che mai attuale la sua analisi sui partiti come strumenti di partecipazione e non di divisione di potere attraverso il sistema correntizio”.

“Bianco -continua Ricciardi- è stato un anche grande meridionalista, feroce critico del clientelismo inteso come uno dei mali profondi del Mezzogiorno. È stato presidente dell’Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d’Italia, ricoprendo un incarico che nel corso degli anni era stato rivestito da personaggi del calibro di Giustino Fortunato e Benedetto Croce.

“Un uomo delle Istituzioni ma anche uno storico che ha sempre avuto il coraggio di un’analisi della storia repubblicana rigorosa, attenta, attuale e mai banale”. Così conclude il deputato dem