“Uno della Dante”, l’iniziativa con il Prefetto Piantedosi

0
333

Sarà il Prefetto Matteo Piantedosi, Capo di Gabinetto del Ministro dell’Interno, ad inaugurare lunedì 20 gennaio alle ore 9,30 presso l’Auditorium dell’I. C. “Perna-Alighieri”, in via Maffucci n. 5 ad Avellino, la rassegna “Uno della Dante“, ciclo di iniziative che vedrà il coinvolgimento di ex alunni della Scuola Secondaria di I Grado “Dante Alighieri” che si sono particolarmente distinti in campo professionale che incontreranno gli attuali alunni dello storico istituto scolastico avellinese.

L’iniziativa, ideata e fortemente voluta dal Dirigente Scolastico Prof. Attilio Lieto, intende rafforzare il senso di appartenenza degli allievi e, attraverso testimonianze quali quella del Prefetto Piantedosi, che discuterà con gli allievi di temi come libertà e sicurezza per le sue esperienze maturate e per gli obiettivi professionali raggiunti, mira a valorizzare il patrimonio culturale dell’Istituto comprensivo “Perna –Alighieri”.

Scegliere consapevolmente la propria carriera scolastica, umana e professionale dopo il diploma della scuola secondaria di primo grado, in maniera informata, senza ansie, partendo dall’esperienza e dai consigli degli ex allievi del medesimo istituto in cui ci si sta formando. Questo è lo spirito alla base di questa iniziativa che intende raccogliere tutti i diplomati all’istituto avellinese con lo scopo di preservarne storia e specificità, non ultimo contribuire alla crescita sociale del territorio irpino attraverso le diverse professionalità rappresentante.

Il programma della mattinata vedrà impegnati gli allievi delle classi II della scuola secondaria di primo grado e con questo tipo di manifestazione si vuol sancire, una volta in più, l’appartenenza, anzi l’attaccamento culturale e affettivo che tanti ex allievi hanno per l’istituto in cui si sono formati come studenti e come persone; ex che ora desiderano restituire parte di quanto ricevuto in un moderno concetto di give back. Inoltre, si cercherà di abbattere ulteriormente le barriere generazionali e di idee tra vecchi e nuovi studenti.