Aree interne, il masterplan Valle Ufita ritrova la sua dignità

0
351

Napoli. Un nuovo strumento per lo sviluppo delle aree interne. Se ne fa carico la Regione Campania che, in un incontro con i sindaci della valle dell’Ufita, ha sottoscritto pochi minuti fa il Protocollo tra l’ istituzione di palazzo Santa Lucia e appunto, i Comuni di quella parte della provincia irpina: una intesa che è rivolta alla  “rigenerazione e valorizzazione dell’Area”.

Il  nuovo Masterplan, si aggiunge ai tre  che riguardano la costa ed è il secondo che prende la strada delle aree interne: quello precedente, già siglato, riguarda l’area Nocerino-Sarnese.

I comuni interessati da questo piano di sviluppo saranno 28, il cui lavoro si concentrerà, soprattutto, sulla ‘importante opera infrastrutturale della nuova linea ferroviaria AV/AC Napoli-Bari, con la creazione della nuova stazione Hirpinia nel Comune di Ariano Irpino. La “porta” di accesso ad un sistema locale integrato, turistico e delle produzioni di qualità, innovative e sostenibili.

L’ obiettivo è quello di sviluppare, nell’area della Valle dell’Ufita, affiancandola al fianco del settore meccanico ed agroalimentare, la creazione di un “cluster tecnologico”, da cui possono prendere forma iniziative nel settore dell’alta tecnologia. Ma risorse saranno anche indirizzate verso il risanamento ambientale, il contrasto al dissesto idrogeologico, con l’obiettivo di puntare sempre di più su politiche che contribuiscano a ridurre il fenomeno del calo demografico.

Con questo Masterplan, si confermano le positive esperienze in corso, e si avvia una nuova stagione per un’altra area strategica della nostra regione.one di via Santa Lucia  Campania e i Comuni della Valle dell’Ufita per la Rigenerazione e valorizzazione dell’Area. Si tratta di un nuovo Masterplan, dopo i tre che riguardano la costa, un secondo che tratta le aree interne, dopo quello già siglato per l’area del Nocerino-Sarnese.

Sono 28 i comuni interessati da questo piano di sviluppo che si concentrerà, in primis, sull’importante opera infrastrutturale della nuova linea ferroviaria AV/AC Napoli-Bari, con la creazione della nuova stazione Hirpinia nel Comune di Ariano Irpino come “porta” di accesso ad un sistema locale integrato, turistico e delle produzioni di qualità, innovative e sostenibili.

L’area può sviluppare, al fianco del settore meccanico ed agroalimentare, la creazione di un “cluster tecnologico” dove possono prendere forma iniziative nel settore dell’alta tecnologia, ma risorse saranno anche indirizzate verso il risanamento ambientale, il contrasto al dissesto idrogeologico; in modo da puntare sempre di più su politiche che contribuiscano a ridurre il fenomeno del calo demografico.

Insomma ci si sta avviando verso una nuova stagione, con questo Masterplan. L’area vasta della valle dell’Ufita conferma la sua, strategica, importanza  nei pianiceella Regione Campania così come le positive esperienze in corso.

Dice il sindaco di Grottaminarda,  Marcantonio Spera:” Piattaforma logistica e stazione Hirpinia, Europa, Italia e Sud del mondo: la ripresa economica per affrontare e contrastare la povertà,  l’emigrazione, e il calo demografico. Per mettere un argine alla desertificazione del Meridione e avviare un sistema integrato di industrializzazione ecosostenibile. Con la componente importante dell’alta tecnologia in tutti i settori, dalla meccanica all’agroalimentare, dell’elettronica alla bioenergetica, così da avere grandi ricadute culturali e sociali in in Sud che può,  e deve, rinascere”.