Ariano Film Festival, tra le novità il premio Hirpus d’oro

0
294

L’Ariano Film Festival festeggia i suoi 10 anni e rilancia. Tante le novità che caratterizzeranno al rassegna, presentata al Museo civico e della ceramica.  A illustrare il festival il direttore artistico Annarita Cocca, il sindaco della città Enrico Franza, il coordinatore della nuova sezione “videoclip” Francesco Musto, la giornalista Rai Carmen Di Stasio, il progettista Alessandro Nicotera, il graphic designer Ludovico Mascia e l’artista Marco Dell’Oriente. Alla giuria, composta da Mauro Russo, Mastafive, Antonio Rame, spetterà l’arduo compito di valutare le migliori opere per la serata finale di premiazione, in programma il 7 agosto, presso la Villa Comunale di Ariano Irpino. Tra le novità il progetto Erasmus Plus, gestito dall’agenzia nazionale dei giovani. Durante le giornate del festival, ben 20 ragazzi da Spagna, Portogallo, Grecia e Romania, saranno ospiti per un confronto e uno scambio interculturale sul cinema. Il 3 agosto sarà invece dedicato al laboratorio di educazione ambientale, organizzato dal FAI di Avellino, “Rispetta e FAI rispettare l’ambiente: il laboratorio del fare e non fare”. Sviluppato in due fasi distinte, tra la sala del Castello e lo spazio verde circostante, vedrà la partecipazione del Capo Delegazione FAI Avellino Serena Giuditta, del Capo Gruppo FAI Giovani Avellino Maria Emanuela Miccichè, dei Professori Giovanni De Feo e Leonardo Festa.

Quest’anno, la giuria tecnica sarà formata da produttori e distributori nazionali e internazionali: Angelo Bassi, Alfio Bastiancich, Marzio Onorato, Prashant Shah, Lester Ayala. Nel corso delle prossime settimane saranno resi noti i nomi degli ospiti internazionali. Alla giuria tecnica si affiancherà una giuria composta da operatori del mondo della scuola e specialisti del settore come Sara Cambria, Chiarassunta Iandolo, Gerardo Speranza, Raffaele Moschella, Simona Carpniella, Stefania Rivetti, Adriana Colucci, Francesco Gambacorta, Palmira Tropeano,Angela Caruso, Gilberto Cammisa, Gabriele Ferrara. Alle sezioni dedicate ai videoclip si affianca un nuovo premio, che verrà consegnato tra le mani dei vincitori della decima edizione dell’Ariano Film Festival. L’Hirpus d’oro, il lupo simbolo dell’Irpinia, animale sociale che sfrutta la sua forza in branco, appare con il muso verso l’alto, a simboleggiare uno sguardo verso il futuro.  Un omaggio a chi ha saputo raccontare le proprie radici. E’ Annarita Cocca, direttore artistico, a sottolineare come “Il festival ambisce a divenire un ponte, un collegamento, tra i giovani e coloro che hanno fatto, e ancora fanno, la storia del cinema, della musica, dell’arte, della cultura. Consapevoli dell’importanza di un gruppo di lavoro unito, compatto e appassionato, tra i capisaldi della manifestazione campana”.