Bambini in acqua a Caposele

0
1962

È stata una bella festa quella che ha visto oltre 60 bambini calarsi nelle acque della Piscina Comunale di Caposele. L’iniziativa è stata promossa dalla Cooperativa “Il Germoglio”, che ha in gestione l’impianto sportivo, ed è stata sostenuta dall’Amministrazione civica del Comune della Valle del Sele.

All’evento hanno partecipato i bambini da 3 a 5 anni delle scuole dell’infanzia di Sant’Angelo dei Lombardi e di Caposele, per molti dei quali si è trattato del battesimo dell’acqua.

Dice Marco Luongo, presidente della cooperativa sociale: «Da un’analisi del contesto sociale e dai dati raccolti nel corso della nostra pluriennale esperienza, si rileva che sono ancora troppo pochi i bambini che raggiungono la sicurezza acquatica e di contro sono troppi quelli che invece hanno paura dell’acqua. Questo principalmente perché i genitori dei bimbi tra zero e tre anni risultano meno propensi a far intraprendere ai figli un percorso basato sull’acquaticità e sui principi fondamentali del nuoto. Ragion per cui, al fine di incentivare una maggiore autonomia dei bambini nelle attività natatorie, favorire il coordinamento neuro-motorio e sviluppare le loro capacità respiratorie, abbiamo pensato di offrire alle famiglie, in maniera totalmente gratuita, un’occasione per far sperimentare ai loro figli la gioia del nuoto, in un clima di gioco e di festa».

Nelle vasche i bambini sono stati affiancati dagli istruttori della Cooperativa, uno staff tecnico fortemente specializzato nelle attività ludiche in acqua.

A questa prima “Giornata dei Bambini” sono intervenuti il sindaco di Caposele, Lorenzo Melillo, e l’assessore allo sport, Geremia Rosania. Con loro anche le insegnanti delle classi coinvolte e i rappresentanti dei genitori. Tutti erano visibilmente compiaciuti.

Considerata l’importanza sociale dell’iniziativa, e soprattutto alla luce del grande successo che l’ha accompagnata, il sindaco Melillo ha chiesto ai rappresentanti della Cooperativa “Il Germoglio” di allargare l’esperienza anche ai bambini degli altri paesi del bacino. Un invito che il presidente Luongo si è detto disponibile ad accogliere.