I Longobardi in Minecraft, vince la Perna Alighieri

0
638

E’ stato l’istituto Perna Alighieri di Avellino, guidata dalla dirigente Amalia Carbone, ad aggiudicarsi il primo posto nella prima edizione del concorso nazionale “I Longobardi in Minecraft” promosso dall’Associazione Italia Langobardorum con il supporto organizzativo di Maker Camp. Un concorso nato dalla volontà di valorizzare, attraverso l’utilizzo didattico del videogioco “Minecraft” nella versione “Education Edition”, i sette gruppi di monumenti storici che compongono il sito Unesco “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”. L’istituto “Luigi Perna – Dante Alighieri” di Avellino ha conquistato la vittoria per la categoria Scuola Secondaria di I Grado, arrivando al secondo posto per la categoria Scuola Primaria. Apprezzatissimo il progetto Longobardscape, curato dagli studenti della media (1B, 1C, 1D, 1E, 2A, 2B, 2C, 2E, 2G, 3E) realizzazione multidisciplinare di una Escape Room che porta il visitatore/giocatore in un viaggio stimolante e coinvolgente tra i numerosi luoghi dei siti Unesco, alla scoperta della straordinaria cultura del popolo Longobardo, delle sue tradizioni e dei suoi riti. Un salto nella storia tra quiz, prove di abilità e la ricostruzione fedele dei luoghi che costituiscono il sito seriale. Longobardscape è un viaggio gioco/documentario che può trovare il suo posto in ogni aula scolastica a testimonianza della validità di una didattica innovativa che stimola la curiosità e la voglia di imparare.

La cerimonia di premiazione si è tenuta presso il Salone d’Onore del Museo delle Civiltà, alla presenza di Antonella Tartaglia Polcini, Presidente dell’Associazione Italia Langobardorum; Francesca Manuela Anzelmo, Funzionaria del Museo delle Civiltà – Ministero della Cultura; Mariassunta Peci, Dirigente Ufficio UNESCO – Ministero della Cultura; Laura Acampora, Funzionario Ufficio UNESCO – Ministero della Cultura; Angela Maria Ferroni, funzionaria ufficio UNESCO – Ministero della Cultura; Danilo Chiodetti Vicepresidente dell’Associazione Italia Langobardorum; Sara Matilde Masseroli, direttrice responsabile del Parco archeologico di Castelseprio; e Marco Vigellini, CEO di Maker Camp. Protagonisti gli studenti di dieci scuole di diverse regioni italiane che si sono distinte tra le 221 classi partecipanti, per le categorie della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, presentando elaborati sottoposti al giudizio di una giuria nazionale composta da rappresentanti delle istituzioni e da esperti del settore del gaming. “Educazione, comunicazione, informazione e digitalizzazione, al servizio della promozione e valorizzazione del patrimonio culturale – spiega Antonella Tartaglia Polcini, Presidente dell’Associazione Italia Langobardorum – sono gli assi portanti della missione che il progetto ha sviluppato. Un progetto per promuovere la creatività dei giovani, al servizio della condivisione e diffusione della storia longobarda con la partecipazione entusiasta e appassionata di tante scuole”. Per la Perna Alighieri è una conferma, si tratta dell’ennesimo riconoscimento ottenuto negli ultimi anni nel settore del gaming