La Corale ‘Donne in Armonia’ in collaborazione con la FIDAPA di Nola, realizza il canto: ‘Vita Mia’

0
895
Una rivisitazione in tempo di coronavirus, della celebre canzone ‘O surdat nnamurato’

Il desiderio di cantare, di fare musica, non ha impedito, anche in questo momento così particolare ed intenso, che tutti stiamo vivendo per il tema Coronavirus,  di potersi esibire e cantare. Con questo intento ed animate dal desiderio di vincere la solitudine ed unire i cuori delle persone, tutte le coriste, raccolte grazie alla moderna tecnologia, si sono esibite con un inno alla vita, con il desiderio di riacquistare la libertà. Per l’occasione è stata messa in musica una rivisitazione della celebre canzone napoletana,‘O surdat nnamurat’ dal poeta nolano Peppe Cassese. La concertazione, e l’accompagnamento pianistico e la realizzazione dell’audio e del video è stato curato nei minimi particolari dal maestro Francesco Sorrentino. La presidente della Fidapa di Nola, la prof.ssa Maria Manganiello, ha sostenuto e realizzato questo progetto, che è solo uno dei tanti percorsi di solidarietà promossi dalla sezione di Nola, nel periodo di isolamento da Coronavirus.Le fidapine coriste che hanno preso parte alla realizzazione di questo video sono state: Nensi Romano, Angela Paduano, Rita Pezzella, Vittorina Catalano, Melania Russo, Annamaria Tortora, Michela Mortella, Antonietta Prevete, Maria Sorbo, Jussara Alvarez, Fiorella Sepe, Antonella D’Onofrio, Titti D’Onofrio, Tiziana Overa, Enza Nappi, Michela Pignatelli, Viviana Vetrano, Resy Tarantino, Adelaide Ambrosino, Bianca Tarantino, Nunzia de Marinis, Anna Scalas, Pina Sagliocchi, Lucia Masullo, Anna Ammaturo, Teresa Vecchione, Carmela Principato, Antonietta Principato, Antonella Berardesca, Gianna Laudanno, Luciana Murano,Mariarosaria Porcelli, Anna Cefariello,Eufemia Buonaguro, Wilma Garcia, Rosaria Savastano. Con molto piacere ed euforia si è aggregata alle coriste fidapine, anche la giornalista napoletana, Filomena Carrella, che ha ben accettato l’invito di essere con loro in questo incantevole progetto di armonia e solidarietà. Che la vita possa ritornare a scorrere come prima e come ha scritto il poeta Giuseppe Cassese: “Juorne chiuso int’a sta casa, na paura int’e penziere, m’arricordo quanno aiere, chistu sole steve appriesso a me! Songo certo ca sta freva, primma o doppo,passarrà .Madunnella mia te prego, stienne e piglieme sti mane, tu sì ‘a meglia d’e vammane, tu si ‘a cura ca fa bbene a me! E caccianneme stu fele, torno a ridere pecché. Fa sciatta’ stu malamente: primma o doppo aesce fora, fa passa’ sta cannelora, sta disgrazia tu nun può vulè. A cchiù mamma e tutt’e mamme, nun è maje cchiù mamma e te.” Nel mese di maggio, il mese della madonna, con un accorato canto anche la corale Donna in Armonia, si rivolge alla Madonna, chiedendo la grazia che tutto possa finire e che la nostra ‘ Vita ‘ possa risplendere più di prima.