Lustri Cultura in dies, al via la terza edizione

0
834

Prende il via la terza edizione di LUSTRI Cultura in dies – febbraio/aprile 2018. Queste le note del Direttore artistico:

Migrare, interagire, conoscere.
Dinamismi culturali ed ispirazioni artistiche conducono alla terza edizione di Lustri Cultura in dies. Migrare concretizza l’intento dichiarato nel 2015 (ai tempi della prima edizione) e cioè quello di andare verso altre città, oltre Solofra. Napoli e, più precisamente, il prestigioso Istituto Italiano per gli Studi Filosofici ospiteranno la sezione Filosofia a compimento della trilogia dialogica su Platone: dopo la Repubblica (2015-16) e il Politico (2016-17), ora le Leggi. Salerno sarà la sede della sezione Epica, una prosecuzione del viaggio odissiaco sulla figura dell’Ulisse mentitore, che si trasferisce nell’Accademia, presso l’Aula dei Consigli del Campus di Fisciano, all’interno delle attività didattiche di due insegnamenti di letteratura greca. A Solofra, invece, si resiste con la sezione Teatro, che converserà su alcuni principi dell’accadimento scenico (la drammaturgia, l’attore e il pubblico) e con la nuova sezione Antropologia – disciplina esatta a mio avviso quanto la matematica – che, in collaborazione con il centro studi AMA di Siena, ricercherà sulla condizione dell’uomo-migrante, esplorerà il DNA etico dell’animale-uomo per svelarci chi siamo sempre stati. Perché l’interagire attraverso i contenuti esposti realizza l’essenza originaria dell’atto quotidiano sotteso a Lustri e racchiusa nel suo nome: conoscere giorno per giorno.