Riparte la rassegna Dianoia a Montoro. Adinolfi, Maffeo e Ricci discutono sul conflitto tra Russia e Ucraina

0
291

Venerdì 22 Aprile, alle 17:30, presso il chiostro del convento di Santa Maria degli Angeli a Montoro, si terrà il convegno “Si chiama guerra. Considerazioni sul conflitto tra Ucraina e Russia”. L’appuntamento, inserito all’interno della rassegna “Dianoia-Riflessioni”, vede come ospiti Massimo Adinolfi, Adriano Maffeo e Paolo Ricci. Partecipano il Sindaco di Montoro Girolamo Giaquinto, il Vice Sindaco Francesco Tolino e l’Assessore alla Cultura Raffaele Guariniello. Modera Marco Staglianò di Orticalab.

Massimo Adinolfi insegna Filosofia teoretica all’Università Federico II di Napoli. È direttore della rivista semestrale di filosofia “Il Pensiero”, con V. Vitiello, e dirige la Scuola di Politica “PoliMiNa” della Fondazione Salvatore. È stato per un biennio Consigliere del Ministro della Giustizia Andrea Orlando. È editorialista de “Il Mattino” di Napoli e collabora con Il Messaggero, il Foglio, Huffington Post. È da poco uscito per Mondadori il suo ultimo libro “Problemi magnifici. Gli scacchi, la vita e l’animo umano”.

Adriano Maffeo è Avvocato, iscritto all’ordine di Avellino, e Docente di Diritto dell’Unione europea e Contenzioso dell’Unione europea presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Napoli “Federico II”.

Paolo Ricci è professore ordinario di Public Accountability presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. È autore di pubblicazioni sui temi dell’accountability e della governance nella Pubblica Amministrazione. Attualmente è membro del Comitato Scientifico della Fondazione Unipolis (Gruppo Unipol). È stato componente del Nucleo Tecnico per il Coordinamento della Politica Economica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Editorialista del Corriere del Mezzogiorno.

«Questo evento» – spiega Francesco Tolino, coordinatore dell’appuntamento – «vuole essere un momento di riflessione ed approfondimento sul conflitto in atto, che crea ansia in tutti e genera preoccupazioni per gli scenari futuri. Vuole essere, inoltre, il primo di una serie di appuntamenti, finalizzati alla istituzione di una rassegna o di un evento strutturato. Lo sviluppo di un territorio passa per una crescita complessiva e nell’attivazione di varie leve, tra cui quella del confronto sui temi, materiali od immateriali che siano».