Summer School, da Gesualdo ai versi di Dante. L’omaggio a Della Terza

0
765

Dalla carica innovativa delle sonorità di Carlo Gesualdo all’universo di Dante nel ricordo dell’illustre musicologo Glenn Watkins, più volte ospite in Irpinia, fino all’omaggio all’italianista Dante Della Terza, scomparso nei mesi scorsi. E’ il filo conduttore della terza edizione della Summer School “Carlo Gesualdo tra Rinascimento e BaroccoPercorsi internazionali di studi letterari, storici e artistici”, in programma dal 25 al 28 agosto in modalità telematica. Solo l’ultimo giorno gli incontri si terranno in presenza nella cornice del Palazzo Pisapia a Gesualdo.  Ieri la presentazione al Circolo della stampa alla presenza di Carlo Santoli, coordinatore scientifico della Summer School, del sindaco di Gesualdo Edgardo Pesiri, Rosa Grillo, direttrice del dipartimento di studi umanistici dell’Università di Salerno, Alberto Granese, docente dell’Università di Salerno e studioso di Dante, Rosa Giulio, responsabile scientifica del dipartimento di studi umanistici di Unisa, Milena Montanile, docente dell’Università di Salerno, Dinko Fabris, direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Studi Gesualdiani, Raffaele Fulchini, presidente dell’Istituto Italiano di Studi Gesualdiani, Maria Chiara Pizza, giovane studiosa di archeologia. E’ lo stesso Santoli a soffermarsi sulle quattro aree tematiche scelte per l’edizione di quest’anno “Partiremo il 25 agosto  da un omaggio a Dante per proseguire il 26 agosto con una riflessione su Petrarca, Tasso e la cultura tra Cinque e Seicento. Quindi analizzeremo la forza di Gesualdo innovatore, compositore di madrigali e di musica sacra, a partire dai Responsoria e della Sacrae Cantiones,  per soffermarci l’ultimo giorno su letteratura, musica e arti da Gesualdo a oggi, in un confronto che parte da Dante per arrivare a Ungaretti”. Non nasconde la propria emozione per quello che vuole essere un vero fiore all’occhiello dell’edizione di quest’anno. “Il 28 agosto, alle 18, a Palazzo Pisapia – prosegue Santoli – inaugureremo la Biblioteca romana di Dante Della Terza, un fondo di 1500 volumi che il sindaco Pesiri ha voluto fortemente ospitare a Gesualdo, grazie alla disponibilità della figlia Grazia Della Terza. La speranza è che possa diventare un riferimento nella formazione dei giovani dell’Alta Irpinia. Al tempo stesso ricorderemo Glenn Watkins, tra i maggiori studiosi di Gesualdo grazie alla presenza di Louis Stein dell’Università del Michigan”. E’ il sindaco Pesiri a ribadire la volontà di Gesualdo di investire sulla cultura, dalla mostra dedicata all’arte contemporanea ‘Raccolti & Liberi per la Ripartenza’ che sarà ospitata dall’8 agosto al castello al concerto inserito nella rassegna ‘I Luoghi della musica’, in programma il 9 agosto “Aspettiamo con ansia che siano ultimati i lavori di ristrutturazione del castello, quello che si propone di essere un riferimento nel panorama culturale irpino. Ma stiamo lavorando anche ad un concorso dedicato ai madrigali di Gesualdo per i giovani talenti e a una sinergia con Matera nel segno di Gesualdo”. La professoressa Rosa Grillo pone l’accento, invece, su come la Summer School sia diventato un appuntamento fisso nel segno di musica, arte e letteratura “L’auspicio è di poterlo tenere in presenza il prossimo anno”. Mentre la professoressa Rosa Giulio pone l’accento sul valore di cui si carica la rassegna, nel segno della sinergia tra Università, scuola e territorio. E’ quindi il professore Alberto Granese a sottolineare come “La Summer School ha scelto quest’anno di esplorare il contesto storico in cui visse Gesualdo, al di là dell’aspetto puramente musicologico, in un intreccio tra le arti. Ma abbiamo voluto ricordare anche la lezione di Dante, a partire dal rapporto tra musica e poesia. Si tratta di un evento che conferma anche quest’anno un taglio internazionale, anche grazie alla partecipazione di studiosi di Università straniere, nel segno di Dante ma anche nel ricordo di Dante Della Terza e Glenn Watkins”