CONSIGLIO- In 6 della maggioranza dicono no agli assestamenti di bilancio: 15 voti contro, 15 a favore, Foti al capolinea

0
307

 

AGGIORNAMENTO Il colpo di scena nel Consiglio Comunale di Avellino arriva sul voto agli assestamenti di bilancio: 15 voti favorevoli, 15 contrari e la seduta dovrà aggiornarsi entro 20 giorni. Se nemmeno in quella data il sindaco troverà la quadra, l’amministrazione comunale cadrà definitivamente.
Contestulamente, il Prefetto potrebbe già nominare un Commissario ad acta.
Resta da capire la reazione ufficiale del sindaco Foti all’esito del voto.
 

Se nella seduta dedicata all’approvazione del previsionale, alcuni consiglieri di maggioranza non si erano presentati in aula, in questa occasione non solo c’erano, ma hanno espresso voto contrario.
Si tratta di Gianluca Festa, Massimiliano Miro, Francesca Di Iorio, Antonio Genovese, Peppino Negrone e, contro le aspettative, Nicola Poppa (Scelta Civica).
Ai voti contrari dei sei consiglieri di maggioranza si sono aggiunti quelli di tutti i rappresentanti dell’opposizione, compreso Dino Preziosi che aveva annunciato il no a prescindere dal patto dei "100 giorni".


Ventinove i presenti ad inizio dei lavori consiliari, nonostante fino a qualche minuto prima dell’inizio dei lavori, qualche consigliere nel corso della riunione di maggioranza svoltasi poco prima alla sede Pd, aveva esporesso volotnaà di disertare. Durante il vertice, svoltosi alla presenza dell’Onorevole Valentina Paris e del Senatore Enzo De Luca, sarebbe stata formulata anche la proposta di presentare un documento programmatico a nome del Pd  durante il Consiglio.

Prima dell’inizio della seduta consiliare, il Sindaco Paolo Foti ha chiesto all’Aula un minuto di raccoglimento in ricordo dell’ex Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, venuto a mancare qualche giorno fa.

Ad introdurre i lavori della seduta odierna è stato lo stesso Primo cittadino che ha informato l’Aula sugli incontri avviati con i capigruppo consiliari in merito all’appello rivolto al Consiglio lo scorso 5 settembre. Incontri che il Sindaco concluderà nei prossimi giorni dopo i quali chiederà al Presidente del Consiglio Comunale la convocazione di una apposita Conferenza dei Capigruppo per stabilire la data di una nuova Assise municipale nel corso della quale il Primo cittadino esporrà le proprie determinazioni sul futuro politico-amministrativo dell’Esecutivo.

In altre parole, il sindaco prende altro tempo e la serie degli ineterventi che ne sono seguiti, tra la rabbia dei consiglieri di minoranza Giancarlo Giordano, Alberto Bilotta, Nicola Battista e Virgilio Cicalese, ma anche le posizioni critiche espresse da Gianluca Festa e Massimiliano Miro dai banchi della maggioranza, non fanno cambiare il quadro. 
Il consigliere Dino Preziosi da parte sua, ha ribadito i termini del famigerato "accordo dei 100 giorni" proposto al sindaco, rivolgendo parole di fuoco a quanti starebbero distorcendo il senso della sua proposta, accusandolo di trasformismo.