Gal Irpinia, ecco il piano per il sostegno alle imprese

0
371

Giovedì 20 giugno l’ATS AISL Gal Irpinia Sannio Cilsi presenterà le Misure 6.2.1 e 16.3.1 relative a due tipologie di intervento:

– Aiuto all’avviamento di impresa per attività extra agricole nelle zone rurali.
– Contributo per associazioni di imprese del turismo rurale.

L’incontro, che si terrà alle 17.00 presso la sala convegni di SorboLab, a Sorbo Serpico, vedrà la presenza del Presidente dell’ATS AISL, Rino Buonopane, e del Coordinatore, Mario Salzarulo. Entrambi illustreranno le misure ai soggetti interessati e agli amministratori che riterranno di partecipare.

“In linea con lo spirito che anima il nostro Gal – ha dichiarato Buonopane – continuiamo a proporre misure che possano davvero servire a supportare le aziende operanti nel settore agrituristico, le strutture di ricezione extra-alberghiera, e tutti gli imprenditori della ristorazione rurale. L’Irpinia tutta, ma in particolare i comuni che fanno parte del nostro Gruppo di Azione Locale, sono ricche di queste realtà che possono trarre benefici significativi dalle misure che presenteremo giovedì.”

La 16.3.1, nello specifico, intende perseguire l’obiettivo di favorire la condivisione di strutture e servizi dei singoli associati. Ciò per organizzare interventi in comune, condividere impianti e risorse per lo sviluppo del turismo e delle attività commerciali. La misura, infatti, serve ad incentivare le associazioni di operatori del turismo rurale e la realizzazione di campagne collettive di promozione e commercializzazione. L’obiettivo è quello di accedere a mercati più vasti, superando le difficoltà legate ad una scarsa o inefficace attività di promozione e di commercializzazione.

La 6.2.1, che è rivolta ai singoli cittadini residenti in uno dei comuni del Gal Irpinia Sannio – Cilsi, incentiva la nascita di nuove imprese in ambito extra agricolo al fine di sostenere l’incremento dei posti di lavoro ed il mantenimento di un tessuto sociale attivo in aree rurali altrimenti potenzialmente a rischio di abbandono. Si tratta di un intervento a fondo perduto volto all’avviamento d’impresa per attività extra agricole in aree rurali, favorendo, così, la creazione di posti di lavoro.

“L’ATS – Gal Irpinia Sannio Cilsi – ha aggiunto il Presidente – si sforza di andare oltre la mera apertura di misure la cui applicazione, in passato, ha inciso poco sul tessuto sociale ed economico del territorio. Il successo della nostra attività dovrà essere commisurato, invece, esclusivamente ai benefici che questa determinerà sul territorio e alle ricadute che questa avrà in termini di presenze e di occupazione. L’Irpinia, ma in particolare i comuni del nostro Gal, sono ricchi di risorse che possono costituire il substrato sul quale realizzare nuove prospettive di crescita, anche per le nuove generazioni. Alla scarsa valorizzazione del passato – ha concluso Buonopane – oggi possiamo e dobbiamo porre rimedio.”