Il vescovo Aiello agli studenti: “Ciascuno di voi può cambiare il mondo”

0
995

AL CONVITTO NAZIONALE
AVELLINO – “Siamo qui per educarci alla bellezza di un verso, come alla bellezza della vita”. Con parole sempre pregne di umana apprensione per la sorte dell’umanità Mons Arturo Aiello invita tutti i presenti alla Notte del Classico a coltivare la speranza. “Lascio agli esperti dissertazioni più profonde – continua Aiello- e resto al fianco di voi, ragazzi, che dovete recuperare dal mondo classico quel concetto di aurea mediocritas che da Orazio arriva fino a voi, che dovete imparare a regolare le vostre passioni”. Mons. Aiello è accolto dal “chorus” dei ragazzi del Convitto con una significativa ” Heal the world” che invita gli uomini a ” sanare” il pianeta Terra. “Non crediate – esorta Aiello- che il cambiamento del singolo non sia utile. Pensiamo ai tanti uomini della Chiesa che apparentemente soli hanno rivoluzionato storia e letteratura da Benedetto da Norcia a Francesco d’ Assisi.” Aiello si mostra subito in sintonia con gli ospiti della serata, a cominciare dal Prefetto Paola Spena che si mostra grata per l’ invito ricevuto. “Sono da pochi mesi in Prefettura ad Avellino ma sono molto contenta di essere accanto al mondo della scuola, tra i ragazzi di un liceo classico perché le materie umanistiche non tradiscono mai”. I ragazzi del Convitto, diretto dalla professoressa Maria Teresa Brigliadoro, sono stati i veri protagonisti della serata, calandosi nei personaggi dell’ “Agamennone” di Eschilo con momenti recitativi e coreografici curati dalla professoressa Ilenia D” Oria. Il riferimento tematico alla ” Daedala Tellus” ha comportato il richiamo al sempre bello inno lucreziano a Venere ed alla vicenda mitologica di Dedalo ed Icaro, il cui folle volo è stato riproposto in un momento curato dalla professoressa Satalino. A seguire, nella Rotonda dell’ Istituto, i ragazzi hanno riproposto il mito degli Iperionidi, Elio, Selene ed Eos, a cui e’ dedicato anche il giornale di istituto. La Notte del Convitto si è rivelata utile occasione anche per presentare l’ attività di enigmistica, curata con la professoressa Zen, attraverso la risoluzione di un rebus a tema realizzato in street art. Ai docenti di lingue il compito di recuperare il messaggio di Greta Thumberg, letto in lingua originale, mentre un video sui cambiamenti climatici ha introdotto il Digital Debate con Antonio Pascotto, ex alunno ed educatore dell’Istituto, oggi caporedattore Mediaset che ha moderato, con disponibilità e padronanza, un dibattito, curato dalle Prof.sse Anna Fusco e Giuseppina Satalino. I ragazzi si sono divisi tra le teorie dei negazionisti e dei catastrofisti in merito ai cambiamenti climatici. Il vero auspicio, condiviso da tutti i docenti, e’ che il vero cambiamento sia nell’animo dei ragazzi che hanno il diritto a recuperare spazi sicuri che li aiutino a volare come rondini, verso nuove primavere. A fine serata, un brindisi augurale chiude un’ intensa serata valorizzata dal talento di tutti i ragazzi che non vanno lasciati soli, come ricorda Francesco Rainero, autore del video inaugurale della Notte che resta un un appuntamento unico da rinnovare.
Pellegrino Caruso