Pnrr e sicurezza, il Viminale: accelerare

0
302

Si è tenuto questa mattina al Viminale un incontro, presieduto dal Sottosegretario all’Interno Emanuele Prisco, sui fondi del PNRR con le Organizzazioni produttive del Paese e gli Organismi collegiali dei settori tecnici. All’incontro hanno preso parte, oltre ai vertici del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, al Direttore Centrale delle Risorse Umane dell’Amministrazione civile e al Direttore dell’Unità di Missione PNRR del Ministero dell’Interno, i rappresentanti delle categorie produttive e delle professioni tecniche. Il Sottosegretario Prisco ha illustrato le iniziative che il Ministero dell’Interno ha messo in campo per semplificare e accelerare le progettualità finanziate dal PNRR di competenza del Ministero dell’Interno, in particolare quelle in tema di controlli antimafia, prevenzione incendi e supporto agli Enti locali nelle attività di monitoraggio e controllo. Prisco ha anche introdotto gli ulteriori interventi normativi, con particolare riferimento a quelli di prevenzione incendi. Il Sottosegretario ha inoltre informato che, ai primi di febbraio, il Ministero dell’Interno avrà completato le procedure di assunzione delle 400 unità di personale da assegnare alla Prefetture per la costituzione dei presidi di sicurezza, che si vanno a sommare alle 300 unità che saranno assegnate alle Ragionerie territoriali. Tali presidi serviranno ad intensificare l’azione dei controlli antimafia e l’attività di supporto agli Enti locali. I rappresentanti delle categorie produttive e degli Ordini collegiali intervenuti hanno molto apprezzato, nei loro interventi, la programmazione del Ministero ed hanno condiviso la necessità del tavolo di confronto sul PNRR, assicurando una fattiva collaborazione.”Abbiamo coinvolto le Associazioni produttive perché riteniamo, per la parte di competenza del Ministero dell’Interno, che per la migliore riuscita dei tanti progetti in campo sia assolutamente necessario il coinvolgimento dei corpi intermedi, per verificare la funzionalità delle norme con chi ogni giorno si confronta su tali dossier” – ha dichiarato il sottosegretario Prisco a margine dell’incontro.